In Piazza Maggiore domenica 6 settembre maglietta firmata BONVI e il concerto Radio Bruno Estate

2 settembre 2015

Era il 1885. A New York veniva completata la Statua della Libertà, a Bologna veniva fondato il Resto del Carlino. “Centotrent’anni esatti. Centotrenta anni fanno cinque generazioni – scrive Andrea Cangini, direttore di QN Il Resto del Carlino -. È dunque da cinque generazioni che prima i soli bolognesi, poi gli emiliani, i romagnoli e i marchigiani si informano, dibattono, si arrabbiano e si consolano leggendo ‘il Carlino’. Non solo. Il Resto del Carlino è più di un giornale. E’ un’istituzione, un fratello maggiore che da sempre cerca di comprendere, di avvertire e persino di difendere i propri cittadini-lettori. E si tratta di lettori esigenti, uomini e donne liberi che dal loro giornale pretendono in primo luogo la libertà, l’onestà intellettuale, l’indipendenza di giudizio”.

Domenica 6 settembre in Piazza Maggiore a Bologna, nell’ambito delle celebrazioni per la ricorrenza, si terrà la data finale del Radio Bruno Estate, lo spettacolo musicale a ingresso gratuito con protagonisti i grandi nomi della musica organizzato da Radio Bruno, l’emittente più ascoltata in Emilia Romagna. Nel pomeriggio, inoltre, tutti i bolognesi avranno l’occasione di dare il proprio contributo al restauro del ‘Gigante’: la fontana del Nettuno che si trova in Piazza del Nettuno (adiacente a Piazza Maggiore), chiamata così familiarmente per via delle dimensioni della statua. A partire dalle 16, infatti, sarà possibile ricevere la maglietta dedicata al Nettuno firmata da BONVI con un contributo minimo di 10 euro, presso lo stand di Piazza Maggiore.

Il progetto nasce dall’esigenza di raccogliere i fondi necessari per il recupero della fontana del Nettuno, simbolo di Bologna, iniziativa di cui è stato promotore il Resto del Carlino. La grafica nasce da un particolare ritrovato in una tavola inedita della raccolta di storie ‘Leggende di urbane’ nata per la prima volta nel 1969 (edizione dal titolo ‘Incubi di provincia’) e negli anni seguenti ampliata e arricchita dall’artista Franco Bonvicini, in arte BONVI, scomparso nel 1995. Sofia Bonvicini, architetto e art director, ha curato personalmente lo sviluppo della maglietta, mentre, accogliendo positivamente e con entusiasmo la proposta di fundraising, gli eredi Bonvicini (Maria Angela, Francesco e Sofia) hanno deciso di devolvere le royalties per il restauro della fontana del Nettuno.