Il Sole 24 Ore secondo quotidiano nazionale per il sistema carta e digital

7 agosto 2015

Nel mese di giugno 2015, secondo i dati Ads di diffusione dei quotidiani italiani pubblicati ieri, Il Sole 24 Ore conferma la crescita delle diffusioni totali carta+digital, confrontandosi con un anno già caratterizzato da una grande crescita, arrivando a registrare nel biennio 2013-2015, ovvero dall’inizio delle rilevazioni carta+digital, un incremento del 24,6%.

Nella diffusione totale cartacea + digitale il quotidiano diretto da Roberto Napoletano (nella foto) si conferma anche a giugno 2015, per il decimo mese consecutivo, 2° quotidiano nazionale con 369.330 copie medie, alle spalle del Corriere della Sera (372.416 copie totali) e prima di Repubblica (340.978 copie totali), a +0,4% rispetto a giugno 2014, mese che segnava una crescita a doppia cifra su giugno 2013.

Nella diffusione totale digitale Il Sole 24 Ore raggiunge quota 215.849 copie digitali, registrando un incremento pari a +17,7% rispetto a giugno 2014. Sul fronte digitale Il Sole 24 Ore è primo anche nelle copie digitali singole con 66.988 (+17,8% vs giugno 2014). Primato che mantiene da cinque mesi consecutivi.

Un risultato frutto della strategia multimediale voluta dal direttore editoriale Napoletano che ha sviluppato 12 quotidiani digitali con contenuti esclusivi e aggiornati in tempo reale: “Grazie al successo del sistema multimediale del Sole 24 Ore nel primo semestre 2015 abbiamo registrato una crescita a doppia cifra dei ricavi digitali da contenuto informativo che sono aumentati di 4,3 milioni di euro (+14% rispetto al 1° semestre 2014), e abbiamo consolidato il superamento dei ricavi digitali da contenuto sui ricavi da contenuto in versione cartacea registrato già nel primo trimestre del 2015 e arrivati ora a oltre il 51% del totale dei ricavi da contenuto. Negli ultimi diciotto mesi i ricavi digitali da contenuto informativo sono cresciuti del 18%”.

Al successo dei dati Ads si aggiunge anche quello de IlSole24ore.com, primo sito italiano a pagamento, che nelle sue versioni web e mobile vanta a giugno oltre 32.000 abbonamenti attivi.