MailUp, Gorni parla “ad amici e investitori”

6 agosto 2015

A un anno di distanza dalla quotazione in Borsa a pochi giorni dall’annuncio dell’acquisizione di Acumbamail in Spagna, Nazzareno Gorni, ceo di MailUp, ha indirizzato ieri un messaggio ad amici e investitori facendo un punto sulle principali attività su cui la struttura ha lavorato nell’ultimo semestre. “In questi giorni abbiamo annunciato un’importante novità: l’acquisizione di Acumbamail. La valenza di questa operazione è duplice – comunica il ceo -.  Con Acumbamail infatti non solo acquisiamo esperienza nel modello freemium, ma acceleriamo l’entrata nei paesi di lingua spagnola. Questa prima operazione di acquisizione segna inoltre l’avvio del nostro percorso di sviluppo per linee esterne, su cui contiamo di crescere in maniera importante nel prossimo futuro, con l’obiettivo dichiarato in sede di IPO di diventare il leader nei paesi non anglofoni, con focus su Europa e mercati emergenti”.

MailUp comunica inoltre di aver mantenuto il focus sulla crescita: nel primo trimestre 2015 ha realizzato un +18% di crescita del valore della produzione, con un +53% di crescita negli Stati Uniti dove vengono gestiti i clienti extra-europei.

“Di recente abbiamo poi annunciato il nuovo record di clienti: +27% nei primi 6 mesi del 2015 (8.394 clienti al 30 giugno 2015, contro 6.581 clienti al 31 dicembre 2014) – sottolinea Gorni -. Abbiamo superato le nostre migliori aspettative, in un semestre in cui la nostra attenzione operativa si è concentrata sull’esecuzione di una serie di investimenti di medio/lungo periodo, come: il rafforzamento delle nostre politiche anti-spam, conseguente al nostro ingresso nella ‘Certified Senders Alliance’ (CSA); il lancio su oltre 400 aziende beta-tester internazionali del nostro nuovo prodotto BEE Plugin, evoluzione di BEE Free; il lancio, sempre su scala internazionale, della nostra MailUp App for Shopify, nuovo prodotto che punta a conquistare gli oltre 150.000 e-commerce che utilizzano la piattaforma di Shopify; l’avvio della nostra presenza in Indonesia e in Giappone”.