Gruppo Poligrafici, ricavi netti a 81 milioni di euro. Raccolta in calo del 7,4%

30 luglio 2015

Andrea Riffeser Monti

Il consiglio di amministrazione della Poligrafici Editoriale si è riunito ieri per l’esame della Relazione Finanziaria semestrale del Gruppo al 30 giugno 2015. I risultati economici, nei primi sei mesi dell’anno, risentono della difficile situazione del settore.  I ricavi della vendita dei prodotti editoriali evidenziano una flessione del 5,8%, valore inferiore rispetto a quanto rilevato dal mercato di riferimento. Il QN Quotidiano Nazionale, fascicolo sinergico di informazione e cronaca nazionale de il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno, nel  periodo in esame, si è confermato il secondo giornale d’informazione per numero di copie vendute in edicola (fonte ADS – maggio 2015).

I ricavi pubblicitari consolidati si riducono del 5,2%. La raccolta pubblicitaria sui quotidiani cartacei editi dal Gruppo registra una contrazione del 7,4%, evidenziando una maggiore tenuta della raccolta locale, mentre l’andamento della raccolta pubblicitaria sui siti internet evidenzia un decremento del 3,5% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente. Nei sei mesi i ricavi netti ammontano a 81 milioni di euro rispetto ai 93 milioni dei primi sei mesi del 2014. A perimetro omogeneo, al netto degli effetti delle operazioni straordinarie, diminuiscono del 5,3%. I ricavi editoriali sono pari a 41,2 milioni di euro mentre i ricavi pubblicitari ammontano a 29,6 milioni di euro di cui 25,7 milioni relativi alle testate cartacee edite dalla Poligrafici Editoriale e 2,7 milioni relativi alla raccolta pubblicitaria on line dei siti riconducibili a Quotidiano.net.

Gli interventi di riorganizzazione editoriale ed industriale hanno determinato una diminuzione dei costi operativi di  8,9  milioni di euro e del costo del lavoro di 3,1 milioni. Il margine operativo lordo è positivo per 4,2 milioni di euro in miglioramento rispetto a  3,3 milioni dello stesso periodo del 2014 (+30,1%). Il risultato economico del periodo del Gruppo Poligrafici Editoriale, al netto delle imposte, registra una perdita di  2,2 milioni di euro contro una perdita di  5,2 milioni dei primi sei mesi del precedente esercizio. L’indebitamento finanziario netto al 30 giugno 2015 è pari a 51,5 milioni di euro ed evidenzia un debito a breve termine verso le banche e altri finanziatori di 16,9 milioni di euro, un debito per leasing finanziari di 18,9 milioni di euro ed un debito per mutui di 15,7 milioni di euro.