Gruppo Arav: 14 milioni di euro in 5 anni per la comunicazione di Silvian Heach e SH

22 luglio 2015

Mena Marano

Il Gruppo Arav ha presentato ieri le strategie di crescita e il nuovo posizionamento dei marchi Silvian Heach e SH. Mena Marano, amministratore delegato del Gruppo, ha sottolineato il momento positivo vissuto dall’azienda che ha chiuso il 2014 con un fatturato di oltre 77 milioni di euro, nell’ambito dei quali la divisione bambino pesa per il 33% e quella dedicata alla donna il 67%. A oggi le esportazioni valgono il 26% del fatturato complessivo. Il piano industriale della società partenopea prevede di portare a 113 milioni di euro il fatturato di gruppo nei prossimi 5 anni, con una percentuale di esportazioni pari al 35%.

L’azienda, per raggiungere questi importanti risultati, ha dato vita a un progetto strategico molto articolato per i brand Silvian Heach e SH che implicherà non solo un nuovo posizionamento dei marchi ma anche un’importante sviluppo retail. Silvian Heach e SH, per andare incontro alle esigenze di due target di consumatrici molto differenti fra loro, si avvarranno di due concept completamente indipendenti anche per l’allestimento degli store. Se Silvian Heach punta definitivamente a un target femminile medio-alto grazie a una collezione raffinata e contemporanea, SH si pone come il marchio d’elezione per una clientela teen attenta alle ultime tendenze moda e al rapporto value for money.

Per sostenere i progetti SH e Silvian Heach, inoltre, l’azienda ha stanziato un budget quinquennale pari a 14 milioni di euro da investire in marketing e comunicazione. Silvian Heach, primo brand del Gruppo, oggi già presente in oltre 40 Paesi con 21 punti vendita monomarca e 1100 rivenditori multi-brand, sarà inoltre oggetto nei prossimi 5 anni di un piano di 19 aperture strategiche sulle maggiori piazze italiane ed internazionali, raggiungendo così i 40 negozi monomarca. SH è invece stato lanciato proprio in questa stagione, con la PE 2015 e ad oggi è già presente sul territorio nazionale con 33 punti vendita monomarca. Nei prossimi 5 anni sono programmate altre 48 nuove aperture prevalentemente concentrate sul mercato domestico che porteranno il brand a potersi avvalere di una capillare distribuzione retail composta da 81 punti di vendita.