Sheyla Biasini: “l’affiliazione un modello flessibile per essere all’avanguardia”

17 luglio 2015

Sheyla Biasini

di Serena Poerio


Sheyla Biasini, country manager Italia di zanox da giugno di quest’anno (vedi notizia), ha raccontato durante un incontro ieri con la stampa il presente e il futuro dell’azienda specializzata nel performance marketing. “Lavoro in zanox dal 2008 – ha esordito la manager -, mi sento a casa qui. In Italia zanox conta 30 risorse, oltre 700 in tutto il mondo”. Il gruppo, con quartier generale a Berlino, è presente con diverse sedi in Europa, negli Stati Uniti e in Brasile e comprende le aziende zanox, Affiliate Window e eprofessional. La società in Italia conta circa 300 clienti attivi e li supporta nell’attuare un’efficace attività di digital marketing per prodotti e servizi. “In riferimento al mercato del performance marketing, l’affiliazione è un modello molto flessibile che ci consente, non solo di essere al passo con i tempi, ma all’avanguardia sia dalla parte del publisher che di quella dell’advertiser. Siamo pronti a integrare qualsiasi modello di business lato editore”.

“L’affiliazione rispetto a 5 anni fa è molto meno focalizzata sulla parte del display, abbiamo infatti la possibilità di mettere a disposizione dei nostri clienti altri strumenti, tra questi ci sono i cataloghi, molto utilizzati in accordo con le logiche di navigabilità su mobile, il native advertising, l’email marketing”, ha proseguito Sheyla Biasini, country manager Italia di zanox che su tendenze già in atto e future, ha dichiarato: “Ci sarà sempre di più integrazione. Il futuro sta in una business intelligence a supporto dei clienti. Da un punto di vista tecnico svilupperemo maggiormente la parte relativa al tracciamento”.

A Londra è stato appena lanciato il Cross device tracking, in besta testing, tramite cui è possibile attribuire operazioni compiute da diversi device a un unico soggetto. Sulle sfide che l’azienda si troverà ad affrontare Biasini ha elencato la questione del multiscreen e i cookie, aggiungendo che il “gruppo si sta già muovendo bene. L’obiettivo – ha detto – è semplificare il processo di affiliazione anche sulla coda lunga dei publisher”. Il gruppo, che a livello globale ha chiuso il 2014 con un fatturato in crescita rispetto all’anno precedente continua la sua crescita anche quest’anno.

“Il mercato Italia si colloca al quinto posto dopo Inghilterra, Germania, Francia e Olanda – ha affermato Biasini -. Per quanto riguarda il nostro Paese, grazie anche al buon andamento dell’ecommerce, siamo a budget nel primo semestre del 2015”. Da mobile, sfida e opportunità per l’azienda, secondo l’ultimo ‘zanox performance mobile barometer’ il 2014 si è chiuso con un picco storico per quanto riguarda gli acquisti effettuati tramite smartphone e tablet. Il mercato dell’m-shopping ha registrato in Europa un aumento del fatturato del 105% e, solo in Italia, del 66%, rispetto all’anno precedente. Tra le novità importanti Biasini ha dichiarato: “Puntiamo a un’espansione del network e a una serie di semplificazioni che permettano di aumentare la coda lunga dei publisher e di avere una marcia in più anche sul fronte internazionale”.