Radio Rai, performance in crescita di ascolti e raccolta

9 luglio 2015

Fabrizio Piscopo

L’ad di Rai Pubblicità Fabrizio Piscopo: “I dati confermano che il pubblico apprezza la qualità e la freschezza dei nostri contenuti”

Il primo semestre 2015 porta in alto gli ascolti di Radio Rai: è quanto confermano gli ultimi dati Radio Monitor GfK/Eurisko rilasciati lo scorso 7 luglio, secondo i quali nel primo semestre 2015 Radio Rai ha registrato delle performance di ascolto in crescita anno su anno e superiori alla media. In particolare Radio1 continua a crescere superando i 4.200.000 ascoltatori al giorno e crescendo sia nel quarto d’ora che nel giorno medio dell’oltre 6% rispetto al 1° semestre 2014. Radio2, forte del solido e vivace palinsesto che ha preso il via lo scorso autunno e che può contare su eventi come il Caterraduno e il Lucca Summer Festival, rafforza il proprio gradimento presso il pubblico superando la soglia dei 3.000.000 di ascoltatori nel giorno medio, con un ascolto in crescita del +4% rispetto al 1° semestre 2014 e del +9% rispetto all’autunno dello scorso anno. Crescono sensibilmente anche le performance di Radio3 che registra nel giorno medio un +1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, e un +10% rispetto al 2° semestre.

Inoltre, a testimonianza della forte fidelizzazione che da sempre caratterizza i suoi ascoltatori, cresce significativamente anche la performance sul quarto d’ora medio (+9% rispetto al 1° semestre 2014, +12% rispetto al secondo semestre 2014). “Le ottime performance di Radio Rai negli ascolti di questo semestre ci confermano che la qualità e la freschezza dei nostri contenuti sono gli elementi sui quali dobbiamo continuare a puntare per essere apprezzati dal pubblico – dichiara Fabrizio Piscopo (nella foto), amministratore delegato di Rai Pubblicità -. Questi dati sono confortati anche da una raccolta pubblicitaria in crescita a doppia cifra su giugno, rappresentano per noi una grande attestazione di fiducia da parte di pubblico e investitori che vogliamo continuare a soddisfare anche nel corso del secondo semestre”.