Nel 2016 Audiweb 2.0. ‘Chiamata alle armi’ per identificare i partner tecnici

28 maggio 2015

Enrico Gasperini

Verso una piattaforma più aperta e in grado di dare risposte in tempo reale 

di Andrea Crocioni

Audiweb dà il via al programma di sviluppo Audiweb 2.0, il nuovo piano varato dal consiglio di amministrazione dell’organismo guidato dal presidente Enrico Gasperini (nella foto) e frutto dell’attività di analisi di un gruppo di lavoro dedicato, con l’obiettivo di far evolvere il sistema di rilevazione verso una forma più completa e aperta e dare continuità a una ricerca condotta secondo standard condivisi, certificati e riconosciuti a livello internazionale. Un’evoluzione che va incontro alle richieste del mercato e alle nuove esigenze di misurazione. “Il 2015 segna un momento di svolta per noi – ha sottolineato Gasperini -. In questi primi sette anni di operato, grazie al lavoro del team e all’impegno continuo del comitato tecnico e dei nostri partner, abbiamo realizzato una piattaforma che misura le audience di tutti i principali canali di accesso alla rete per l’analisi e la pianificazione pubblicitaria. Adesso, a distanza di un anno dal lancio della Total Digital Audience, ci mettiamo al lavoro per mettere a punto una piattaforma aggiornata e in grado di rispondere alle esigenze del mercato per i prossimi sette anni”.

Ma in che direzione si muoverà Audiweb 2.0? “Quella in uso è già una piattaforma innovativa – ha chiarito il presidente Enrico Gasperini -, ma fornisce dati utili per la fase di analisi di pianificazione pre-campagna, mentre non copre il real time e il post. L’obiettivo è implementarla muovendoci verso un sistema più aperto e in grado di rispondere a dinamiche sempre più automatizzate. Una misurazione a 360°, con dati raperibili in tempo reale, in modo elettronico e dettagliati fino ad arrivare alla singola campagna”. Audiweb 2.0 rappresenta un passaggio indispensabile, studiato per adeguare la ricerca e la piattaforma di rilevazione a un ecosistema digitale sempre più alimentato da piattaforme aperte a innumerevoli dati, i Big Data, in cui Audiweb si porrà come punto di riferimento per la definizione dell’audience online, continuando ad offrire un set di dati certificati e attendibili, realizzati con metodologie chiare e trasparenti. Per questo,  anche in vista della scadenza del contratto con gli attuali partner di ricerca,  entro luglio sarà lanciato un beauty contest per identificare i partner che gestiranno il lavoro di sviluppo del nuovo ciclo Audiweb 2.0.

“Al momento sono state decise alcune linee guida di carattere generale – ha spiegato Gasperini – Entro l’estate metteremo a punto le specifiche di gara. In questa prima fase avvieremo un’ampia consultazione del mercato, a partire dai nostri attuali fornitori, ovvero Nielsen, Doxa, Pwc, Memis e ContactLab. La nostra è una chiamata alle armi agli operatori del settore (sarebbe coinvolta nel contest anche comScore che negli ultimi mesi aveva sollecitato l’avvio di una gara, ndr). Vedremo poi quanti e quali saranno i partner che ci affiancheranno in questo nuovo percorso. L’obiettivo è arrivare a un’implentazione della piattaforma per l’inizio del 2016. Nella fornitura dei dati non ci saranno vuoti perché naturalmente si agirà in continuità fino a che la nuova piattaforma non sarà a regime”.