Tim insieme a Unfraud per abbattere le frodi nell’e-commerce

26 maggio 2015

TIM Ventures, il Corporate Venture Capital di Telecom Italia, investe 100mila euro in Unfraud, la startup che grazie alla sua originale tecnologia applicativa abbatte del 50% le frodi nell’e-commerce. Per TIM Ventures si tratta del settimo closing in startup innovative, nel giro di pochi mesi. “Siamo molto soddisfatti del percorso di accelerazione fatto grazie a TIM #WCAP nel 2014: ci ha permesso di bruciare le tappe e di realizzare un prodotto pronto per il mercato – ha dichiarato Armando Monaco, ceo di Unfraud -. E oggi siamo entusiasti della grande opportunità offertaci da TIM Ventures. Ci permetterà di perseguire in maniera più incisiva la nostra mission: rendere il mercato online più profittevole per i merchant e più sicuro per gli acquirenti, il tutto nell’ottica di entrare, a breve, nel mercato internazionale”.  Il valore di mercato della fraud prevention è oggi di 10 miliardi di euro (circa 20 miliardi entro il 2019).

Le perdite dovute alle frodi online sono stimate globalmente in 4 miliardi di euro, con un incremento del 15 percento annuo. In Italia: 60 milioni di euro (109 milioni euro nel 2018). In questo scenario, Unfraud ha un grande vantaggio competitivo: non usa i consueti strumenti antifrode, ma ha sviluppato un software che imita i comportamenti del cervello umano, basato sull’intelligenza artificiale e su algoritmi bio-tech usati in oncologia per la ricerca sulle cellule. Il programma determina modelli dinamici di comportamento, li discrimina e li segnala al sistema, così da prevenire la frode. Il team di Unfraud è composto da due ingegneri informatici e un economista, tutti di Ariano Irpino, Armando Monaco, Vincenzo Paduano, Andrea Puzo. “Questo team ha tutte le caratteristiche per portare Unfraud sui mercati globali – ha sottolineato Salvo Mizzi, ad di TIM Ventures – Tenacia, umiltà, competenze di primo livello, talento. Con questa operazione TIM Ventures e il gruppo Telecom Italia investono anche sulla crescita decisiva dell’e-commerce nel nostro Paese”.