Sistema Wired, la raccolta adv nel primo trimestre cresce del 6% vs 2014

21 maggio 2015

Il 30% arriva dagli eventi e il 50% dal web. Stabile il cartaceo 

di Fiorella Cipolletta

Dopo il successo della scorsa edizione, che ha fatto registratre nelle tre giornate del Festival un’affluenza di oltre 87mila partecipanti, torna a Milano per il terzo anno consecutivo Wired Next Fest, rinnovando così la collaborazione tra il Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e Assessorato alle Politiche per il Lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca e Wired. Il brand di Condé Nast che conta oltre 4,2 milioni di utenti unici sul sito di Wired.it “con picchi che arrivano a oltre 6 milioni – ha precisato Manuela Migliosi, publisher di Wired – sta avendo successo. Il magazine con 60mila copie (dati Ads, ndr), gli eventi e il web che compongono una strategia digital first sono una formula vincente. La raccolta adv del sistema Wired nel primo trimestre ha registrato una crescita del 6% vs l’anno scorso. A incidere sono gli eventi per il 30% e il web con il 50%. Il sistema Wired ha riscontrato un consenso che genera 30 milioni di pagine viste al mese – conclude  Migliosi -.  E per i mesi di aprile e maggio siamo soddisfatti”.

I nuovi modelli di business del brand e una maggiore apertura nella relazione con i lettori, con la possibilità di costruire storie insieme a loro, offre sopratutto l’occasione per fornire strumenti utili come l’app di Wired che vanta 120mila download, senza dimenticare i video, veri protagonisti di questo momento, con format di branded content – 50 caricati ogni settimana sul sito di Wired.it – che raggiungono i 6 milioni di streaming.  Un futuro ben delineato quello di Wired all’insegna dell’innovazione che contamina non solo lo spazio virtuale ma anche quello fisico. Il Wired Next Fest è un’esperienza gratuita aperta a tutti per celebrare l’innovazione, la tecnologia e l’eccellenza come elementi chiave per la crescita economica, culturale e sociale del Paese. La visione del futuro è il tema dell’edizione 2015. Si inizia questa sera, con un concerto di Salmo e Sir Bob Cornelius Rifo dei Bloody Beetroots che precede i classici tre giorni della manifestazione (qui il programma), fino a domenica 24 maggio ai Giardini Indro Montanelli di Milano, all’insegna del concetto di Ipercubo, con le sue tre dimensioni tradizionali che rappresentano le parole chiave dell’edizione: retta, altezza e profondità.

Questi gli assi lungo i quali verranno raccontati l’economia, la scienza, la tecnologia, il digitale, la politica, la società, l’intrattenimento, le arti performative, la diversità, la leggerezza, le forze e i contrasti che hanno già cambiato il nostro tempo più radicalmente di quanto noi si sia consapevoli. Grazie alla partecipazione di esperti di rilievo nazionale e internazionale e all’utilizzo di molteplici linguaggi, Milano si trasforma per un fine settimana, il vero Fuori-Expo dell’Innovazione: oltre 120 relatori, performance, laboratori, droni, workshop per tutte le età che si divideranno tra il parco, il Planetario e il Museo Civico di Storia Naturale. La quarta dimensione del Fest è il tempo, attraverso il quale si snoderanno sei fine settimana tematici successivi nei quali, tra giugno e ottobre, saranno protagonisti Salute, Benessere, Sostenibilità, Design, Video, Musica, Scienza, Biotech, Intelligenza artificiale, Istruzione, Lavoro e Piccole imprese innovative. A concludere la stagione sarà il 30 e il 31 ottobre il Wired Next Fest Light Festival: un omaggio all’anno internazionale della Luce, dalla scienza all’arte, che vestirà la città con il 3D mapping e il light design.

“La chiave di lettura dei tre giorni del Fest è di essere un evento molto aperto – ha spiegato Massimo Russo, direttore di Wired e  ideatore del Wired Next Fest -. L’innovazione è una delle forze che stanno plasmando il presente, mettendo in moto la crescita e la mobilità sociale”. In calendario, molti interventi di speaker provenienti da vari ambiti diversi tra loro, da Shirin Ebadi, premio Nobel per la pace, a Edward Snowden, da Andrea Accomazzo, responsabile delle operazioni delle missioni Rosetta, a Roberto Saviano, sino a Giannni Morandi. Molti i workshop: ‘Come l’identità digitale può cambiare la nostra vita’, ‘Come diventare un professionista di droni’, ‘Come costruire siti web responsive’, ‘Come diventare una YouTube Star’, ‘Come progettare una app in 8 ore’. I partner del Wired Fest Next Audi, Hello bank! by BNL Gruppo BNP Paribas, SisalPay e Vodafone Italia mostreranno tutto il meglio delle loro tecnologie e delle loro innovazioni. Partner dell’iniziativa sono Modis, Nastro Azzurro, Sky Online Tv Box, Zentiva – Gruppo Sanofi. Events Supporters sono InfoCert, NH Hotel Group e Subito.it. Radio ufficiale è Radio 105. Media partner del Fest, Elita, Piano City Milano, QMI, Sónar+D, Spotify e Twitter. Official apparel Puma Forever Faster, Water partner Lauretana. Exhibit design & production PianoB.