Digital Magics lancia ‘SOLO’, la soluzione completamente digitale per i pagamenti

13 maggio 2015

Digital Magics, venture incubator quotato su AIM Italia (simbolo: DM), lancia SOLO, la startup innovativa che offre il servizio di POS virtuale per ricevere pagamenti con carte di credito e di debito da qualsiasi dispositivo – pc, smartphone o tablet – condividendo un semplice link, senza nessuna registrazione da parte del cliente o applicazione da scaricare e hardware da utilizzare. SOLO è nata all’interno del Digital Magics LAB, grazie a un’idea rivoluzionaria e oltre un anno di lavoro del team formato da 8 giovani sviluppatori e professionisti: Orlando TM Merone, Leonardo Grasso, Leonardo Di Donato, Antonino Visalli e Lorenzo Fontana, che hanno condiviso l’esperienza professionale all’interno dell’incubatore; Edoardo Raimondi, Francesco Arnone e Roberto Ungaro che hanno apportato ulteriori competenze professionali. I fondatori sono titolari di una quota del 65% della società e Digital Magics del 35%. Su www.solo.sh (acronimo di social local shopping) liberi professionisti, piccole medie imprese e pubblici esercizi (tour operator, call center, alberghi, bed & breakfast, ecc.) potranno creare una pagina pubblica personalizzabile della propria attività, come su tutti i maggiori social network.

Solo.sh è pensato anche per le pubbliche amministrazioni o per le donazioni alle associazioni no profit. La sicurezza delle transazioni e il rispetto di tutte le normative sui pagamenti elettronici sono garantiti dai partner tecnologici e di processo: payment processor e istituti di moneta elettronica autorizzati a livello europeo. Il 19 maggio SOLO sarà protagonista della 24ª edizione della World Wide Web Conference (WWW 2015), evento accademico internazionale – creato nel 1994 da Robert Cailliau, uno dei fondatori del web – che arriva per la prima volta in Italia, a Firenze. All’interno della sezione Entrepreneurs Track la startup innovativa si presenterà a una platea di importanti venture capitalist e aziende italiani e internazionali come Sequoia Capital, Terra Venture Partners, Techstars, Gust, Google, StageOne Ventures.