Vanke investe 30 milioni su Expo per presidiare il Mediterraneo

29 aprile 2015

Vanke, multinazionale cinese del real estate, prosegue la strategia di internazionalizzazione in Europa e, dopo Londra, annuncia la volontà di aprire un ufficio rappresentativo a Milano, testa di ponte per l’area mediterranea. In questa direzione va l’investimento di 30 milioni di euro fatto in Expo 2015 dove sarà presente con il Padiglione ‘Building community through food’, progettato da Daniel Libeskind, firmato all’interno da Ralph Appelbaum e realizzato con una particolare attenzione alla sostenibilità.

“Il nostro obiettivo – racconta Ding Changfeng, Senior Vice President di China Vanke – è capitalizzare l’esperienza raccolta durante i sei mesi di Esposizione Universale, dove il Padiglione Vanke sarà un importante luogo di incontro con imprenditori italiani ed europei, per esplorare nuove relazioni di business e di condivisione del know-how sul design, la creatività e la moda. In particolare Milano, capitale del design, rappresenta un mercato maturo e strutturato, in grado di fare da modello per un mercato cinese emergente, in cui le aspettative rispetto alla qualità della vita ricercano standard sempre più elevati”.

Il Padiglione, oltre alle cerimonie di apertura, chiusura e al Pavillon Day a settembre, ospiterà molte altre attività, fra cui seminari, tavole rotonde, convegni e conferenze stampa, in collaborazione con sponsor e aziende internazionali interessate.