Rai3 crea la serata evento #Ioleggo per sollevare gli ascolti di rete

21 aprile 2015

#Ioleggo perché sarà una serata evento in programma giovedì 23 aprile in prima serata su Rai3 durante la Giornata Mondiale del Libro. Presentata da Rai3 e Direzione Comunicazione e Relazioni Esterne, con la collaborazione di Aie, Associazione Italiana Editori, l’evento in diretta dall’Hangar Bicocca di Milano punterà su un conduttore d’eccezione, l’attore Pierfrancesco Favino, e sulla partecipazione di molti artisti, musicisti, cantanti e scrittori, che interagiranno per diffondere l’abitudine alla lettura e per costruire una biblioteca ideale ‘realizzata’ con il contributo di tutti i protagonisti e anche con il sostegno dei social network attraverso i quali chiunque può suggerire, da casa, il proprio volume del cuore, digitando #ioleggoperché, l’hashtag già attivo da qualche giorno. E’ prevista anche una sitcom ambientata all’interno di una libreria romana e realizzata, in collaborazione con Corriere.it, da Duccio Forzano, autore, insieme a Pietro Galeotti, e regista della serata, che andrà in onda contemporaneamente anche sul sito del quotidiano milanese.

“Si tratta di un programma un po’ inusuale nel palinsesto tradizionale che però è in linea con la strategia della rete – ha spiegato il direttore di Rai3 Andrea Vianello (nella foto) -. In questo periodo, la Rai sta definendo i palinsesti delle prossime stagioni autunno-inverno: la nostra rete può contare su prodotti consolidati come Che tempo che fa, Report, Presa diretta, Chi l’ha visto, e pensare anche a qualche novità anche nel prime time. Non smetteremo di percorrere la strada dell’innovazione, facendo manutenzione ai programmi esistenti”. La valutazione dei primi mesi dell’anno è interessante, “nonostante la complessità che vive tutta la tv generalista che comunque continua a essere in testa agli ascolti – ha detto Vianello -. Rimaniamo vicini alla media di rete del 7%, con un lieve calo nel prime time e una crescita nel giorno medio”.

Il direttore di Rai3 difende a spada tratta Massimo Giannini e conferma il suo ingaggio a Ballarò anche per il prossimo anno. “Dopo l’uscita di Giovanni Floris e il suo passaggio a La7 per creare un programma simile al nostro, siamo comunque usciti a testa alta, mantenendoci leader in prime time dei talk show politici – ha concluso -. Il calo di ascolti era inevitabile ma tranne per una puntata il pubblico ha premiato noi. Giannini è entrato un po’ in corsa sul progetto che va sicuramente rivisto ma c’è il tempo per farlo, per costruirgli addosso una ‘giacca adatta a lui’ nella prossima stagione del programma. (V.Z.)