Mosaicoon misura l’adv come contenuto e non come interruzione

16 aprile 2015

Mosaicoon è intervenuta ieri allo IAB Seminar con la ricerca ‘Native beyond advertising: creating value with Shared Entertainment’, presentata alle 14.30 al Mico di Milano dall’head of digital media dell’azienda Marco Imperato.

In particolare, Mosaicoon ha colto l’occasione per presentare un modo nuovo di interpretare il concetto di Nativo, inteso come totale fusione tra contenuto e distribuzione grazie al sistema integrato di piattaforme tecnologiche che l’azienda ha sviluppato per la creazione, distribuzione e tracciamento di contenuti video. Nuove modalità di raggiungere gli utenti implicano un totale ripensamento del modo in cui questi fruiscono dei messaggi, ed è per questo che allo IAB Seminar Mosaicoon ha presentato un approfondimento della ricerca ‘Engagement Score’, una nuova metrica creata dall’azienda per la misurazione di advertising come contenuto e non come interruzione.

“La relazione tra brand e utente è cambiata – commenta  Imperato – in uno scenario dove il surplus dei contenuti e dei media determina un deficit di attenzione dei consumatori, l’advertising tradizionale basato sull’interruzione non può più funzionare. Noi riteniamo che i contenuti video debbano intrattenere l’utente in modo mirato, facilitandone la fruizione sul web attraverso una distribuzione non invasiva e favorendo in tal modo la fidelizzazione col brand. Ecco perché crediamo in un modello in cui le aziende possano produrre e distribuire contenuti come se fossero esse stesse degli editori: il nostro obiettivo è quello di fornirgli infatti gli strumenti affinché possano trasformarsi in vere e proprie Digital Media Company”.