Tempur trasforma il sonno in arte. Budget atl a un milione di euro

14 aprile 2015

Nella foto ‘Senza titolo’ di Sofia Cacciapaglia (©Foto di Mauro Ranzani)

 

di Andrea Crocioni


Il riposo diventa arte. E’ il concetto alla base di Welovesleep, mostra nata da un’idea dell’agenzia casiraghi greco& per il brand di materassi Tempur e organizzata  con il supporto di ViDi. Per l’esposizione, al via da ieri e visitabile gratuitamente, è stata scelta la Galleria Santa Radegonda a Milano (fermata Duomo).

Venti opere, ideate e realizzate ad hoc per l’occasione da artisti contemporanei, renderanno omaggio al ‘dolce dormire’ e, data la particolare location potranno essere ammirate da oltre 100.000 persone al giorno. Per il marchio punta di diamante del Gruppo Tempur Sealy, i curatori, Simona Bartolena e Cesare Casiraghi, hanno ‘messo all’opera’: Davide Balossi, Thomas Berra, Elisa Bertaglia, Sofia Cacciapaglia, Patrizia Calegari, Andrea Cereda, Cracking Art, Giordano Curreri, Francesca Della Toffola, Manuel Felisi, Armando Fettolini, Federica Ferzoco, Fabio Giampietro, Marla, Matteo Mezzetta, Lorenzo Pacini, Marco Pariani, Alessandro Savelli, Simona Uberto e Mr. Wany.

“Abbiamo scelto gli artisti proprio in virtù della loro eterogeneità – ha sottolineato Casiraghi -, lasciando loro massima libertà. L’unico vincolo era la dimensione della tela (2×1,5 metri, ndr)”.

“Con un’operazione come questa vogliamo far fare un salto in avanti alla comunicazione dei materassi, spesso svilita”, ha dichiarato Ilario Dellanoce ad di  Tempur Sealy Italia. “Il nostro obiettivo è cambiare il modo di dormire degli italiani – ha continuato -. In questo caso abbiamo portato il nostro messaggio dietro le quinte di una produzione artistica rilevante”. Il percorso espositivo si completa con un video del making of, che mostrerà gli artisti al lavoro nei loro studi. La mostra è accompagnata da un catalogo illustrato edito da Skira.

“Su questo progetto non convenzionale abbiamo investito circa 200 mila euro, compresivo dell’affitto annuale degli spazi per i quali valuteremo nuove attività per i prossimi mesi – ha chiarito il marketing manager Eugenio Buttafava -. Il nostro budget atl per quest’anno è di circa 1 milione di euro (il fatturato in Italia è di 13 milioni, ndr). Il nostro è un prodotto che va spiegato, per questo abbiamo puntato sulle telepromozioni, realizzate con la collaborazione del nostro centro media UM, in onda su La7 in prime time e tagliate a 7” e 20” durante il giorno”.