Da TwoSides la brochure ‘Carta e stampa: luoghi comuni e realtà’

11 marzo 2015

Nel 2012, secondo dati TwoSides UK, il 43% delle banche più importanti, il 70% delle società di telecomunicazione e il 30% delle utilities facevano uso di dichiarazioni ingannevoli rispetto ai benefici ambientali che deriverebbero dal passaggio dalla carta alla comunicazione digital. Alcuni dati Two Sides UK del febbraio 2015 mostrano che il 20% delle organizzazioni di servizi finanziari, di fornitura energia, gas e acqua e società di telecomunicazioni ancora utilizzano dichiarazioni ambientali ingannevoli.  Anche negli Stati Uniti, secondo Two Sides, metà delle 500 società più importanti nei settori sopracitati hanno un comportamento analogo. Ad oggi, 30 di queste società hanno rimosso le dichiarazioni ambientali ingannevoli, come risultato della campagna Two Sides in Nord America.  Per chiarire quanto invece sia sostenibile la comunicazione su carta, Two Sides Italia lancerà nel corso di quest’anno la nuova release della brochure ‘Carta e stampa: luoghi comuni e realtà’.  Anche la comunicazione digitale, come ogni attività, ha un impatto ambientale. La Francia, ad esempio, si è posta un obiettivo ambizioso contenuto nel piano d’azione 2015-2020, adottato recentemente dal Ministro dell’Ecologia, Sviluppo Sostenibile ed Energia, Ségolène nell’ambito del progetto di legge “Transizione energetica per una crescita sostenibile”. L’obiettivo è di limitare il numero e il peso degli allegati alle mail per emettere meno CO2. Infatti. una mail di 1MB equivale all’emissione di 19 g di CO2 se inviata ad un solo destinatario, l’emissione sale a 73 g di CO2 se inviata a dieci destinatari. Two Sides si impegna nel fornire alle aziende, agli uffici marketing e agli uffici legali delle aziende tutti i riferimenti scientifici sulla sostenibilità della carta e della stampa, per aiutarli nel trasmettere ai consumatori messaggi corretti da un punto di vista ambientale e scientifico.