Panorama gioca la carta del territorio per sedurre gli investitori

10 marzo 2015

di Andrea Crocioni


Panorama che, da qui a novembre, porterà in dieci città italiane un calendario di eventi per stimolare il dialogo con i cittadini e stabilire un legame con le eccellenze del made in Italy nel mondo dell’impresa, dell’economia, della cultura e dell’enogastronomia. L’iniziativa, giunta alla seconda edizione, è stata presentata ieri a Milano al 39° piano di Palazzo Lombardia alla presenza del Presidente della Regione Roberto Maroni e di quello della Regione Campania, Stefano Caldoro. Il newsmagazine diretto da Giorgio Mulè torna nella piazze italiane per raccontare il Paese direttamente dal suo territorio. Un’operazione che già al primo tentativo aveva centrato gli obiettivi, come dimostrano i numeri del 2014: 3 milioni le persone raggiunte per 100 milioni di contatti totali, coinvolgendo, negli oltre 200 eventi, 400 media, 11 università, 120 imprenditori, oltre 500 aziende e 180 startup. Fra i main partner del 2015 figurano Autostrade per l’Italia, Banca Mediolanum, Enel, IBM, Invitalia, MSC Crociere, Università Telematica Pegaso e TgCom24 Mediaset. Una charity partnership con la Lega del Filo d’oro accompagnerà tutte le date del tour. Tappa per tappa, inoltre, saranno attive media partnership con i principali quotidiani, tv e radio locali. “Oggi – ha dichiarato Mulè – è necessario uscire dalla logica del settimanale. Con Panorama d’Italia andiamo oltre la carta stampata per mettere radici sul territorio. Un modo per aiutare le imprese che grazie a un’iniziativa come questa hanno modo di raggiungere direttamente i propri consumatori. Lo scorso anno la raccolta è stata di 3 milioni di euro e abbiamo avuto un margine che vogliamo incrementare nel 2015. Quest’anno siamo partiti coperti in partenza, grazie ai tanti sponsor, e al momento i ricavi sono in crescita di oltre il 50% rispetto al 2014. Siamo molto contenti di aver coinvolto quattro nuove Regioni: Basilicata, Umbria, Trentino e Toscana e l’auspicio è di poterne aggiungere altre nelle prossime edizioni”.

Il quartier generale di Panorama d’Italia sarà la nuova ‘Casa’ che verrà allestita nella piazza centrale ospitante. Al suo interno un’area lounge e un infopoint saranno accompagnati da grandi schermi che proietteranno la diretta streaming degli eventi in corso in città, i palinsesti con gli appuntamenti e gli approfondimenti, i video degli eventi passati. Inoltre uno speciale social wall proietterà tweet e foto dei partecipanti che vorranno condividere l’esperienza utilizzando l’hashtag #panoramaditalia. Per tutta la durata della tappa, in varie zone della città si alterneranno eventi istituzionali e dibattiti con esponenti di rilievo nazionale della politica e dell’imprenditoria. Non mancheranno momenti dedicati a scrittori, personaggi dello spettacolo, musicisti e cantanti. Ad attori e registi sarà in particolare dedicato l’appuntamento riservato al cinema a cura di Piera Detassis, direttrice di Ciak e presidente della Fondazione Cinema per Roma. Particolare attenzione sarà dedicata a stilisti e designer che rappresentano l’eccellenza del luogo: in ogni occasione, con sfilate di moda ed eventi glamour, ognuno di questi stilisti proporrà il proprio modo personale di interpretare lo stile.

Tra le novità di quest’anno c’è anche il coinvolgimento degli studenti più giovani: Panorama infatti, in collaborazione con Mondadori Libri, donerà 100 libri a una scuola di ogni città. Panorama d’Italia è realizzato in collaborazione con Triumph Group International, per produzione esecutiva, organizzazione e logistica, mentre la piattaforma e la strategia digitale sono curate da H2H. I principali incontri saranno visibili in diretta su Panoramaditalia.it e sul canale Panorama.tv che sarà lanciato ufficialmente proprio a metà di questo mese.

 


Mediamond: gennaio e febbraio in flessione, a marzo segnali di ripresa 

Panorama nel 2014 e anche nei primi mesi del 2015 a livello di raccolta ha ottenuto risultati migliori del proprio segmento di riferimento, questo grazie al suo essere un sistema sempre più integrato e a un’iniziativa sul territorio come Panorama d’Italia”, lo ha detto Davide Mondo,  amministratore delegato della concessionaria Mediamond, a margine dell’appuntamento di presentazione del secondo ‘tour’ del newsmagazine. “Come Mediamond – ha dichiarato – abbiamo avuto una chiusura d’anno ampiamente migliore del mercato, sia sul digitale sia considerando i mezzi nel loro complesso. L’inizio dell’anno è stato delicato, abbiamo avuto una negatività contenuta nel mese di gennaio, più marcata a febbraio, a causa di uno slittamento degli investimenti della moda, mentre a marzo si intravedono segnali di ripresa”.