La nuova Alitalia sceglie Leo Burnett per la campagna globale di riposizionamento

28 gennaio 2015

Sarà Leo Burnett, l”agenzia guidata da Giorgio Brenna (nella foto), a sviluppare la campagna globale di riposizionamento della nuova Alitalia che ha preso avvio il 1° gennaio 2015 a seguito della partnership con Etihad Airways. Una partnership che rende Alitalia più forte e internazionale grazie all’integrazione dei network delle due compagnie, con più destinazioni e collegamenti, una flotta congiunta di oltre 220 aerei, e nuovi servizi ‘a cinque stelle’.

L’obiettivo della campagna, sulla cui idea creativa vige ancora riservatezza, sarà quello di posizionare Alitalia da ‘compagnia di bandiera’ a ‘bandiera dello stile italiano nel mondo’, consolidando il legame tra la compagnia e il brand Italia e i suoi importanti valori riconosciuti a livello internazionale. La strategia di comunicazione del brand e dell’offerta commerciale si declinerà in Italia e all’estero su diverse piattaforme media, integrando canali tradizionali, online e social. Soddisfazione nelle parole di Giorgio Brenna, Chairman & CEO di Leo Burnett Continental Western Europe:“È un”assegnazione che arriva dopo un percorso impegnativo: presentazione dopo presentazione siamo riusciti a mantenere la lucidità, a dimostrare di saper rispondere a requisiti rigorosi e ad alzare l”asticella della qualità ogni volta che ci è stato richiesto. La sfida che ora ci aspetta è ambiziosa ma ci riempie di orgoglio”.

“Leo Burnett ci ha convinto per la qualità delle sue idee e per il contributo che è in grado di assicurare sotto il profilo dell’execution. Siamo pertanto lieti di avere Leo Burnett al nostro fianco nell’importante strategia di rilancio commerciale con un approccio completamente nuovo al mercato, al servizio e soprattutto ai nostri clienti”, sottolinea Marco Martinasso, Vice President Marketing di Alitalia. Come riportato da Today Pubblicità Italia lo scorso 22 dicembre, Leo Burnett si è imposta al termine di un processo di selezione che ha coinvolto diverse agenzie creative superando in finale la proposta di Ogilvy & Mather. Il planning è a cura di Group M.