Clear Channel Italia entra nel 2015 con un nuovo assetto organizzativo

19 gennaio 2015

Paolo Dosi

Chiuso il 2014 con +37% di fatturato. Cinque nuove funzioni aziendali per sei business division: Specialists&Media Buyers, Malls&Milano Digital, Direct Clients, Airport, Bike Sharing e Tecnico-Produttiva

 
Clear Channel Italia archivia un ottimo 2014 con +37%, frutto principalmente del contratto di ADR-Aeroporti di Roma e del nuovo modello di business portato a regime da Paolo Dosi (nella foto), alla guida del gruppo da aprile del 2013, che aveva anticipato  a Today Pubblicità Italia una chiusura 2015 a +6% e che commenta: “Sono molto soddisfatto del risultato del 2014 in particolare del +10% di fatturato a perimetro costante, però questo processo di cambiamento è solo all’inizio. Nonostante il successo del 2014, ho ritenuto indispensabile attuare un nuovo assetto organizzativo che ci consentirà da un lato di essere più efficaci nel rispondere alle esigenze del mercato e dall’altro di sviluppare all’interno dell’azienda sia un maggior focus sulle diverse linee di business sia una mentalità più aperta al cambiamento”.

Nella nuova struttura, 5 funzioni aziendali supporteranno 6 business division, che avranno la responsabilità sia di fissare le strategie commerciali e di sviluppo in coerenza con le strategie generali aziendali, sia di risultato e gestiranno un loro budget di spesa e/o un team dedicato nell’ambito delle leve gestionali a disposizione.

“Da questo mese, Maurizio Sajeva non collabora più col nostro gruppo – prosegue il ceo di Clear Channel Italia -. Per rispondere alle complessità del nostro business e per sviluppare al meglio le interessanti opportunità di business che abbiamo di fronte, quello che serve sono dei leader misurati sui risultati, con una forte competenza specifica e in grado di gestire delle linee di business. Questo approccio ha molteplici vantaggi e consente, tra questi, una maggiore reattività di tutta la struttura e anche la possibilità di poter intervenire in modo più mirato nel caso di criticità. È una struttura in cui verrà alzata ulteriormente l’asticella delle performance richieste e della capacità di collaborare in modo aperto e propositivo. L’obiettivo è di avere team snelli, molto focalizzati e con risorse che, per competenze e responsabilità, possano dare un effettivo valore aggiunto”.

Andrea Belli guiderà due divisioni, la Specialists&Media Buyers Division e la Malls&Milano Digital Division, che è il primo asset totalmente digitale di Clear Channel, mentre la prima divisione avrà come obiettivo la copertura della catena del valore dei clienti nazionali intermediati e un allargamento della base di quei clienti che attualmente non investono in ooh.

Enrico Milani guiderà la Direct Clients Division con il compito di sviluppare la base quali-quantitativa della clientela diretta, nella consapevolezza di dover adottare approcci, strumenti e materiali diversi in base alle diverse tipologie di clienti. Questa divisione includerà anche le agenzie medio-piccole.

Jonathan Goldsmid continuerà a guidare l’Airports Division, asset che ormai ha acquisito una sua centralità nel prortfolio di Clear Channel Italia. Mentre, come linee di business correlate al nostro core business, Sergio Verrecchia guiderà la Bike Sharing Division e Massimo Da Ros quella più propriamente Tecnico-Produttiva. “Specialist&Media Buyers e Direct Clients, che venderanno tutti i nostri prodotti, sono state costituite per offrire le migliori soluzioni ai client, dopo ovviamente aver compreso i loro effettivi obiettivi di comunicazione – ha concluso Dosi -. E’ per questo che, viste le specificità di alcuni asset quali i malls e gli aeroporti, sono stati costituiti dei team specializzati a supporto delle due suddette divisioni”.

Completano la squadra, Maurizio Pafundi, cfo, Alessia Luciani, HR Director e Pierpaolo Nave, Marketing & Strategy Director.