Rai, Tarantola: “Segnali di rallentamento della discesa pubblicitaria”

16 gennaio 2015

Oggi al convegno ‘L’offerta del servizio pubblico’. Risparmio di 200 milioni in 2 anni e mezzo

 

 

La presidente Rai Anna Maria Tarantola, durante il convegno ‘L’offerta del servizio pubblico’ che si è svolto oggi, ha avuto modo di definire la mission della tv di Stato, ormai destinata “ad accompagnare la società italiana nel passaggio al nuovo universo digitale, alfabetizzando i cittadini usando i palinsesti in modo trasversale, con un lavoro innovativo e capillare di produzione di contenuti destinati alla fruizione in rete, con l’avvio di progetti crossmediali che collegano web, televisioni e mezzi digitali”.

Tre le parole chiave: creatività, innovazione e talento. Tarantola ha poi dichiarato  a margine del convegno che sono stati risparmiati “80 milioni l’anno, il 5% del nostro bilancio, circa 200 milioni in due anni e mezzo. Confido che le azioni attivate possano portare e mantenere l’azienda in equilibrio”.

Relativamente al calo della raccolta pubblicitaria, la presidente ha sottolineato che: “sembrerebbero emergere segnali di rallentamento della discesa e forse speriamo in una stabilizzazione”. Tarantola si è infine  limitata a rispondere “speriamo di no” alla domanda se gli annunci del governo sulla riforma del canone possano avere ricadute negative sulla raccolta del 2015.