Salini Impregilo cerca i suoi ‘pionieri’ nel mondo con Cric

16 gennaio 2015

Un video corporate per il Gruppo che opera nel settore delle infrastrutture. La coppia di registi ha scritto e diretto lo spot prodotto da Withstand Film

Si aggiunge un altro importante tassello alla campagna di comunicazione ‘Il coraggio del lavoro per costruire il futuro’ lanciata all’inizio di dicembre da Salini Impregilo. Il gruppo italiano, che opera nel settore delle infrastrutture in più di 50 Paesi impiegando oltre 34 mila persone, ha avviato una campagna assunzioni di 15 mila persone nel mondo che si completerà nei 4 anni del Piano Industriale. Il programma vuole rappresentare la visione di fiducia di chi crede nella ripresa e intende dare segnali concreti in un momento in cui prevale lo scetticismo, partendo proprio dall’occupazione. Dopo aver pianificato alla fine del 2014 una campagna sulla stampa italiana e sul web focalizzata sui giovani che già lavorano per Salini Impregilo, l’azienda ha affidato ai Cric, ovvero Davide Mardegan e Clemente De Muro, l’ideazione di un video corporate a sostegno dell’operazione di recruiting. La coppia di registi ha tirato fuori dal cilindro un film dal respiro internazionale. Il video, scritto e diretto dai Cric con produzione di Withstand Film (executive producer Davide Ferazza), mette al centro la passione del Gruppo per la costruzione che si riflette nella varietà dei progetti internazionali: dighe e impianti idroelettrici, opere idrauliche, ferrovie e metropolitane, aeroporti e autostrade, edifici civili e industriali. Con questo spot Salini Impregilo prosegue la ricerca dei suoi ‘pionieri’. Un messaggio che i Cric, con il loro inconfondibile marchio di fabbrica, rivolgono con un tono fortemente emozionale a donne e uominiche hanno il coraggio di scoprire diversi percorsi e di seguire la propria passione, muovendosi sempre nella direzione dell’eccellenza. Il film è costruito come un susseguirsi di immagini potenti, amplificate dalle sonorità di Guido Smider, che portano il pubblico là dove il Gruppo di costruzioni opera nel mondo. Il video, al momento diffuso online, nei prossimi mesi potrebbe sbarcare anche su altri mezzi.

Andrea Crocioni