Wuaki.tv sbarca in Italia e aumenta l’offerta per film e serie tv on demand

8 gennaio 2015

Partnership con comingsoon.it per testare il servizio

Dal 30 dicembre 2014 Wuaki.tv, il principale servizio europeo di video on demand, parte del colosso giapponese di e-commerce Rakuten, è sbarcato in Italia con la propria versione beta. Il servizio completo è disponibile dal 2015 su una vasta gamma di dispositivi quali smart tv, console, tablet, smartphone e laptop. Inoltre è possibile testare il servizio in versione beta registrandosi sul sito di Wuaki.tv oppure su comingsoon.it, portale specializzato sul mondo dell’entertainment, grazie alla recente partnership siglata. Wuaki.tv offre gli ultimi film e serie tv tramite il servizio video on demand transazionale-Il vasto catalogo di Wuaki.tv include contenuti dai principali studios di Hollywood, tra cui Warner, Disney, Sony e Fox, società di produzione come HBO, e distributori europei, consentendo agli utenti l’accesso a nuove release, blockbuster, film classici e serie tv sul dispositivo di loro scelta. Oltre ai film cinematografici e gli home video (blockbuster), Wuaki.tv si sta anche focalizzando su produzioni realizzate in Europa, così da posizionarsi come valida alternativa ai consolidati player americani. Attualmente, Wuaki.tv è leader di mercato in Spagna con oltre 1,4 milioni di utenti registrati, e opera anche nel Regno Unito, Francia e Germania. A queste si aggiungeranno altre nazioni; di fatto, la società ha come obiettivo un piano di espansione ambizioso che prevede il coinvolgimento di 15  Paesi entro la fine del 2015.
“L’Italia rappresenta per noi un mercato di grande interesse per quanto concerne la tv non lineare – ha commentato Josep Mitjà, cofondatore di Wuaki.tv -. Il settore attraversa una fase di continuo sviluppo che crescerà sempre di più con l’aumentare della penetrazione della banda larga. Siamo lieti di lanciare Wuaki.tv anche nel Bel Paese e siamo convinti di attrare un elevato numero di utenti. Di fatto, il nostro catalogo conterrà gli ultimi film hollywoodiani, ma anche il meglio delle serie tv e della produzione cinematografica europea. Il fatto di dare spazio anche a produzioni europee rappresenta per noi una vera e propria missione culturale”.