#BMWstories Collection con We Are Social

In coincidenza dell’apertura del canale Instagram, BMW Italia ha lanciato insieme a We Are Social il progetto dal titolo #BMWstories Collection, un’iniziativa che ha visto la creazione del primo album di figurine con le foto Instagram degli utenti, ripercorrendo in modo originale la storia del brand tedesco attraverso i modelli più rappresentativi della gamma.

Partendo da un album digitale presente su Instagram composto dalle sagome in stile figurina di 45 modelli storici e della gamma attuale di BMW, gli utenti sono stati chiamati a scattare le foto della propria BMW o del modello preferito e condividerle su Instagram con l’hashtag #BMWstories. Gli spazi di ogni figurina mancante sono stati sostituiti con le migliori foto e la citazione diretta dell’autore attraverso il suo handle Instagram; grazie al supporto degli appassionati è stato così possibile completare l’album che prenderà vita anche nella realtà attraverso la realizzazione di un’esclusiva limited edition che sarà consegnata a tutti gli utenti che hanno contribuito al suo completamento.

“Il concept creativo del progetto è nato dall’osservazione dei contenuti pubblicati su Instagram dagli utenti; in completa autonomia e senza nessuna richiesta, gli appassionati di BMW pubblicavano immagini della loro auto; da qui abbiamo voluto unire questo trend al canale che fa dell’immagine lo strumento di comunicazione primario realizzando #BMWstories Collection”, ha commentato Luca Della Dora, Editorial Director di We Are Social. Hanno lavorato al progetto nel team di We Are Social: Gabriele Caeti, creative supervisor, Daniele Piazza, design director, Luca Della Dora, editorial director, Andrea Fumagalli, senior designer, Camilla Vanzulli, junior creative e Gabriele Naia, editor.

 

Parte IAB Academy, online dal 6 maggio

IAB Italia e SuperSummit annunciano la partenza di IAB Academy, la piattaforma dedicata alla formazione dei protagonisti del digital e dell’advertising, online dal 6 maggio. La piattaforma ospiterà ‘instant courses’ e un vasto archivio di video per raccontare le esperienze, i casi di successo e di insuccesso, le nuove tendenze e i numeri del business digitale in Italia e nel mondo. Obiettivo di IAB Academy è infatti quello di aggiornare i professionisti del settore e fornire indicazioni concrete per poter affrontare tutti gli aspetti del digital advertising, dalle decisioni strategiche alla progettazione ed execution delle campagne, anche sotto gli aspetti legislativi.

“All’inizio del mandato, uno degli obiettivi prefissati è stato quello di approfondire sempre di più il tema della formazione, che io e il Consiglio Direttivo di IAB Italia riteniamo prioritario per la crescita dell’Associazione e della Industry e quindi del Paese – spiega Carlo Noseda (nella foto), presidente di IAB Italia -. Vogliamo offrire una bussola che aiuti tutti gli stakeholders a muoversi tra le nuove opportunità che questo mercato, in costante evoluzione, ci offre. IAB Academy è quindi uno strumento prezioso che permetterà ai soci IAB e a tutti i protagonisti, del settore e non solo, di essere aggiornati in tempo reale sui nuovi trend e che racchiuderà tutti gli argomenti di interesse per il mercato affrontati dall’Associazione”.

“In un momento come quello attuale, crediamo anche fondamentale fornire ai protagonisti del settore tutte le skills necessarie per supportare concretamente la crescita del mercato”, conclude Noseda. Sono due le offerte di aggiornamento professionale previste dall’Academy: da un lato gli iscritti avranno la possibilità di accedere all’archivio completo di SuperSummit che comprende circa 250 ore di video legati ai temi del digitale e all’archivio video creato da IAB Italia in occasione dei suoi principali eventi (es. IAB Seminar, Webinar, IAB Forum), dall’altro gli utenti avranno a disposizione ‘instant courses’ su specifici temi verticali. Questi moduli sono brevi percorsi che possono essere seguiti online e in tempi rapidi per essere sempre aggiornati sulle best practice della Industry. I primi ‘instant courses’ disponibili sono dedicati alla Cookie Law e al Native Advertising. Al termine di questi corsi viene inoltre rilasciato un attestato di partecipazione. A giugno è previsto anche un mese totalmente dedicato al tema dell’Advertising Digitale, in cui saranno disponibili video e webinar sull’argomento. Per far conoscere l’Academy, IAB Italia e SuperSummit hanno infatti pensato di proporre contenuti in diretta che gli utenti potranno visionare senza dover sottoscrivere l’abbonamento, per tutta la durata dell’Advertising Month. IAB Academy è disponibile all’indirizzo iabacademy.it.

Twitter, nei primi tre mesi ricavi a +74%

La società di Dick Costolo (nella foto) ha chiuso i primi tre mesi del 2015 in perdita per 162 milioni di dollari, in aumento rispetto ai 132 milioni di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso. I ricavi sono aumentati del 74% a 436 milioni di dollari ma restano comunque sotto le attese degli analisti. Infatti  per l’intero 2015 sono attesi ricavi per 2,17-2,27 miliardi di dollari, anche in questo caso sotto le attese. Gli utenti mensili attivi sono stati 302 milioni (+18% rispetto allo stesso periodo del 2014) e in crescita rispetto ai 288 milioni di dicembre. Twitter annuncia però l’acquisto della società di marketing TellApart e una partnership con la piattaforma pubblicitaria di Google, DoubleClick. “Restiamo fiduciosi nella nostra strategia e nelle opportunità di lungo termine di Twitter. La nostra attenzione resta concentrata – afferma l’ad di Twitter, Dick Costolo – nel creare valore per gli azionisti, muovendosi sulle nostre priorità: rafforzare l’attività core, ridurre le barriere al consumo e offrire nuove app e servizi”.

H-ART e AKQA, fusione in WPP per il digitale italiano

Nella foto Massimiliano Ventimiglia, Martin Sorrell e Ajaz Ahmed

di Serena Poerio

E’ un matrimonio in famiglia quello che ha visto coinvolte l’italiana H-ART con il network internazionale AKQA. Entrambe facenti parte del Gruppo Wpp – la prima era stata acquistata nel febbraio 2009 da GroupM per circa 5 milioni di euro, la seconda è entrata nel gruppo di Sir Martin Sorrell a giugno 2012 per 600 milioni di dollari – le due realtà si sono fuse annunciando la volontà di mettere a fattor comune team, esperienze e competenze. Fino alla fine dell’anno ci sarà un periodo di ‘grazia’, quando l’operazione sarà completata con il rebranding di H-ART in AKQA. Ideatore e promotore di questo accordo è stato Massimiliano Ventimiglia, fondatore e ceo di H-ART, chief digital officer di Wpp Italia e da gennaio 2016 ricoprirà il nuovo ruolo di Managing Director AKQA SEEMEA, con il compito di guidare lo sviluppo del network in nuovi mercati strategici, nel Sud & Est Europa, Medio Oriente e Nord Africa. Già presente in Europa a Londra, Amsterdam, Parigi e Berlino, il network AKQA entra nel nostro Paese con questa fusione dalla porta principale. “C’è molto interesse verso Dubai ma in questa fase non sono ancora previste nuove aperture nella regione SEEMEA” ha dichiarato Ventimiglia.

“In questi 10 anni in H-ART abbiamo fatto un percorso straordinario – ha affermato Massimiliano Ventimiglia – ci sono clienti con cui abbiamo una relazione di lunga data. Abbiamo chiuso il 2014 con un fatturato di 20 milioni di euro e il forecast per il 2015 è di raggiungere 24 milioni di euro”. L’azienda ha sempre avuto una crescita organica, nel 2009 quando fa il suo ingresso in Wpp, chiudeva l’anno con 5,3 milioni di euro di fatturato. I profitti stimati per quest’anno mirano ai 4,2 milioni di euro cifra che potrebbe variare a causa “gli importanti investimenti sulle nostre nuove sedi di Treviso e Milano”. Entro l’estate infatti il team di H-ART che nel capoluogo meneghino conta circa 60 risorse – altre 20 posizioni sono aperte – si trasferirà nei nuovi uffici di Romolo. Ventimiglia sottolinea che “il piano è ambizioso e prevede di duplicare i profitti che dovrebbero passare dai 4 milioni agli 8 milioni di euro nel 2018”. Partendo da questa volontà e dal desiderio di crescere a livello internazionale si è lavorato al progetto di fusione fra H-ART (con attualmente circa 200 risorse) e AKQA (1.700 persone e una previsione di chiusura 2015 con un fatturato di 300 milioni di dollari). Ad accomunare le due realtà la costante ricerca della bellezza, l’amore per il made in Italy e le capacità tecnologiche oltre alla gestione di alcuni importanti clienti come Nike e Heineken. In termini di scambio di know-how, AKQA acquisisce competenze nell’area media mentre H-ART rafforzerà le proprie capacità tecnologiche soprattutto nella connessione tra il mondo fisico e quello digitale.

“Questa partnership conferma il ruolo da leader di Wpp – ha commentato Massimo Costa country manager di Wpp Italia -, nell’offrire ai nostri clienti talenti e risorse di altissima qualità in ambito digitale e, in particolare, per i brand del Made in Italy che ricercano un partner, in grado di offrire loro un supporto internazionale. H-ART e AKQA sono complementari e rappresentano l’eccellenza del Gruppo a livello nazionale e internazionale”. La fusione dà soprattutto all’agenzia italiana una forte visibilità a livello internazionale. “Il 23 aprile, data in cui è stato dato l’annuncio della fusione è stato un giorno importante, non solo per H-ART ma per l’Italia. Il sogno condiviso con AKQA è che l’Italia nel 2020 verrà celebrata come il Paese della bellezza. Siamo nel momento in cui nel nostro Paese si sta realizzando la rivoluzione digitale, il nostro obiettivo è rendere più rilevanti a livello internazionale la nostra capacità di lavorare sull’eccellenza creativa ed esecutiva digitale” ha concluso Ventimiglia.

L’ad Andrea Riffeser Monti: “Per il futuro previsti accordi con quotidiani locali”

Si è riunita ieri a Bologna l’Assemblea Ordinaria di Poligrafici Editoriale che nell’occasione ha approvato il Bilancio 2014 e la prima sezione della Relazione sulla remunerazione. “Dopo anni molto difficili, nel corso dei quali ci siamo trovati ad affrontare una crisi mondiale che ha stravolto tutte le dinamiche dei mercati, il ritorno all’utile nel corso del 2014 ci permette di esprimere un cauto ottimismo. Stiamo raccogliendo i frutti di un importante lavoro che abbiamo svolto in questi anni, anche attraverso la riorganizzazione del management e lo sviluppo di alleanze strategiche, che ha permesso a QN Quotidiano Nazionale di diventare il secondo quotidiano di informazione a livello nazionale per copie vendute in edicola”, ha dichiarato l’ad Andrea Riffeser Monti (nella foto).

“Le strategie per il 2015 – ha continuato – possono essere riassunte in quattro punti chiave: contenimento dei costi, incremento dei ricavi pubblicitari, rinnovo della grafica e dei contenuti editoriali e investimenti su internet”. Le strategie per il futuro, inoltre, prevedono per il Gruppo accordi con quotidiani locali che potranno arricchire la propria offerta grazie alle pagine del QN e concentrare le proprie risorse su quella locale. Il manager ha poi invitato il Governo a contribuire in maniera importante a questa ripresa, valorizzando il ruolo di informazione e trasparenza che sono chiamati a svolgere i quotidiani: “È, però, fondamentale che agisca con determinazione, tagliando i meri contributi che non fanno altro che prolungare l’agonia di testate che ormai non hanno più lettori, per sostenere il settore, attraverso sgravi agli editori che hanno il coraggio di investire e alla liberalizzazione della vendita dei quotidiani. Non dimentichiamoci che, a discapito di un calo delle vendite dei quotidiani, i lettori rimangono costanti e l’unico modo per non perdere questo patrimonio è continuare ad essere fiduciosi ed avere la capacità di rinnovarci sempre, proprio per adeguarci alle esigenze del nostro pubblico”. L’ad ha poi chiesto espressamento una regolamentazione della lettura dei quotidiani nei giornali pubblici, con la creazione di abbonamenti ad hoc, sul modello delle pay tv.

Arriva oggi il nuovo Frisbee, operazione refresh al logo e alla visual identity

Discovery Italia presenta la nuova veste grafica di Frisbee, canale kids numero 44 del dtt e Sky 627, rivolto al target 4-14 anni che da oggi va in onda con una visual identity tutta nuova che coinvolge logo, elementi grafici e colori. L’operazione di refresh è ideata dal dipartimento Brand & Creative di Discovery Italia, in collaborazione con Alkanoids, e ha l’obiettivo di raccontare un canale più contemporaneo, rivolto a un target misto maschile/femminile con focus sulla fascia 4-9 anni, con un design realizzato per essere più in linea con il resto dei brand del portfolio Discovery Italia. Il look & feel sarà basato su colori e forme che si ispirano a materiali diversi, a seconda dell’area tematica che si vuole illustrare. Al centro dell’identità di rete è il nuovo logo Frisbee, con gli elementi grafici che lo compongono pensati per interagire tra loro: le lettere si animano, ballano, giocano tra loro trasformandosi in un’esplosione di colore e fantasia. Le forme diventano più morbide, senza spigoli, dinamiche e trasformabili.

I valori del nuovo brand aderiranno ai concetti di ‘scoperta, divertimento, fantasia’ e saranno espressi attraverso nuovi colori come corallo, turchese, limone. Tra le novità editoriali in arrivo nelle prossime settimane, gli episodi inediti delle serie animate più amate, come la comedy dedicata ai cuccioli che vivono nel negozio di animali Littlest Pet Shop (dal 4 maggio, lunedì-venerdì ore 19.35) e la serie per i più piccoli Tickety Toc (dal 18 maggio, lunedì-venerdì ore 17.10). Tante iniziative speciali saranno realizzate in combinata con l’altro canale kids del Gruppo Discovery Italia, K2, tra cui lo stunt dedicato alla Festa della mamma (film animato L’incantesimo del lago: storia di una famiglia reale il 10 maggio alle ore 19.35) e il mese della fantamagia a luglio, con una selezione di episodi con protagonisti i Due Fantagenitori. Per il back to school attesa per il lancio in prima tv assoluta di Little Charmers, divertente serie animata dedicata al target femminile con protagoniste 3 esordienti maghette migliori amiche, che ne combinano di tutti i colori.

Donna Moderna dall’edicola alla tv con Magnolia

La Branded Content Unit guidata da Ludovica Federighi per la prima volta in partnership con Mondadori  

di Fiorella Cipolletta

Dal 4 maggio Donna Moderna non sarà più solo in edicola e online. Per la prima volta il magazine di Mondadori debutta in televisione con Donna Moderna Live, il nuovo programma lifestyle show ispirato alla formula di Donna Moderna, il magazine diretto da Annalisa Monfreda. Donna Moderna Live, prodotto da Magnolia, è un format televisivo di 40 puntate (ognuna da 30 minuti) che andrà in onda su La5 dal lunedì al venerdì alle 19.50. Il nuovo magazine che non si sfoglia, ma si guarda, fornirà utili consigli e idee attraverso rubriche tematiche dedicate a moda, fashion, benessere, casa, food, il tutto in sinergia con Donna Moderna. Il format originale ideato dalla Branded Content Unit Magnolia “è il primo progetto in partnership con Mondadori che integra carta stampata, tv e web – spiega a Today Pubblicità Italia Ludovica Federighi, Head of BCU Magnolia -. Donna Moderna Live è un esperimento, una case history che per la prima volta porta in tv i contenuti e lo stile di una rivista come Donna Moderna. Con Mondadori e con la redazione di Donna Moderna abbiamo costruito un progetto con un linguaggio tv capace di raccontare in modo ancora più approfondito e appassionante le tematiche trattate sul giornale, garantendo un’esperienza innovativa per le lettrici e per le telespettatrici”.

“La televisione ci offre un’opportunità di narrazione inesplorata e allo stesso tempo complementare a quelle che abbiamo sperimentato finora – ha dichiarato Annalisa Monfreda, direttore di Donna Moderna – Ci sono contenuti che solo il linguaggio della tv può valorizzare al massimo. I protagonisti di Donna Moderna Live inoltre sono proprio i giornalisti, i collaboratori, gli esperti che ruotano attorno al magazine: persone che hanno il dna del giornale nel sangue, davvero appassionate di ciò che scrivono. E che adesso possono trasmettere questa passione in un contesto meno mediato, più diretto ed emozionale”.

Il magazine di approfondimento dedicato al pubblico femminile de La5, che punta a crescere con nuove produzioni originali è un programma al femminile a 360°, che racconta anche storie di donne che hanno cambiato ‘rotta’ e che, sfidando la crisi, seguendo le loro passioni e i loro sogni. Oltre ai giornalisti, protagonisti Donna Moderna Live, il progetto vede la partecipazione di L’Oréal – Gruppo Fini, Upim, De’ Longhi, Yes-Zee by Essenza, Acqua Vitasnella e GHD “che si inseriscono nel programma – continua Federighi – con dei format ad hoc che vanno dai tutorial al branded entertainment, al branded content sino al product placement. Contenuti informativi tagliati su misura per i brand che valorizzano il programma. La fidelizzazione del pubblico è più performante se il branded-entertainment viene fatto bene, e il brand non viene trattato solo come una presenza e ha la peculiarità di mettere insieme all’interno della pianificazione anche la tabellare e il web. Con la concessionaria Publitalia e La5 abbiamo deciso di lasciare la possibilità ad altri brand di entrare anche in corsa nel programma”.

Ogni giorno della settimana verrà sviluppato un tema tra beauty, moda, wellness, food, casa. Ognuno di questi temi sarà d’ispirazione per tutte le rubriche che compongono il programma: da Help, in cui gli esperti rispondono alle curiosità delle lettrici, alla rubrica Tutorial, in cui i vari coach illustrano step by step come realizzare un trucco, una ricetta, rubrica realizzata in collaborazione con il magazine, o un look, o ad una nuova idea per l’arredo con CasaFacile  o ancora l’attività sportiva ideale per restare in forma. Ogni settimana Donna Moderna Live, racconterà inoltre la trasformazione di giorno in giorno di una donna ‘normale’ in una ‘Donna moderna da copertina’ grazie ai suggerimenti di stile, moda e fitness di una redattrice di Donna Moderna. Donna Moderna Live potrà essere seguito anche attraverso il sito donnamodernalive.com, sui social network con l’hashtag #donnamodernalive e tramite gli account Facebook e Twitter di Donna Moderna. Per il lancio di Donna Moderna Live è stata realizzata una campagna di comunicazione su stampa, radio, tv con promo sulle reti Mediaset, web e outdoor.

Azzurra Caltagirone nuovo presidente ADS

L’Assemblea dei soci di ADS Accertamenti Diffusione Stampa, riunita il 28 aprile ha eletto Azzurra Caltagirone nuovo presidente, nominando il Consiglio di Amministrazione della società per il triennio 2015/2017. Su designazione di Fieg sono stati eletti Azzurra Caltagirone (Presidente), Francesco Dini, Giuseppe Ferrauto, Carlo Mandelli, Carlo Perrone, Luca Traverso e Donatella Treu. Su designazione di FCP: Massimo Martellini; su designazione di UPA: Giovanna Maggioni, Vittorio Meloni, Andrea Imperiali e Raffaele Pastore; su designazione di AssAP Servizi: Stefano Del Frate e Vita Piccinini; su designazione di Unicom: Gianluca Bovoli.

Michelle Hunziker testimonial ‘premium’ di Emmentaler

La showgirl legata al formaggio svizzero per i prossimi tre anni 

di Andrea Crocioni

Autenticità e spontaneità. Sono questi i valori che Switzerland Cheese Marketing Italia intende veicolare con la nuova campagna di Emmentaler Dop che ha per protagonista Michelle Hunziker. “Ha sempre saputo mostrare il suo essere svizzera, nata e cresciuta vicino alla Valle dell’Emme, zona d’origine di questo formaggio, per noi rappresenta la testimonial ideale”, ha spiegato Giovanna Frova, ad di SCMI, nel corso di uno showcooking che ieri a Milano, presso Eataly, ha tenuto a battesimo la nuova comunicazione del prodotto.

“Si tratta di un sodalizio felice – ha proseguito la manager – che legherà la Hunziker a Emmentaler per i prossimi tre anni in Italia e in Germania”. La campagna, dal torno ironico, ha preso il via in tv, sulle reti Rai, Mediaset, La7 e Sky, e prevede una forte presenza sul web e sui social, oltre che su stampa e sul territorio all’interno dei punti vendita. Alla comunicazione è stato associato anche casino online un concorso dedicato ai consumatori. “Con questa operazione – ha aggiunto Giovanna Frova – abbiamo voluto portare il prodotto in un mondo premium, una scelta il linea con il nostro posizionamento. Abbiamo scelto un approccio più lifestyle rispetto al passato e credo che per noi questo sia il momento ideale per affiancare a un prodotto di valore un testimonial di questo tipo”.

Lo spot porta la firma di Leo Burnett Svizzera (regia Mona Mansouri per Rosas&Co Film), mentre la creatività stampa è di  Nico Bustos. Le relazioni pubbliche e le attività digital sono gestite da Attila&Co. Il media è curato internamente con la collaborazione della centrale MediaMix. “Il target di riferimento appartiene a una fascia d’età compresa fra i 30 e i 55 anni, amante del buon cibo e con capacità di spesa – ha chiarito l’ad -. L’investimento per il 2015 è di 2 milioni di euro: il 60% destinato alla tv, una quota fra il 20 e il 30% sui media digitali e la parte restante riservato alla stampa e alle attività sul territorio”.

La Freccia si sdoppia con La Freccia Expo: oltre 300 pagine e 120 inserzionisti

In occasione dell’inaugurazione di Expo Milano 2015, La Freccia Expo, edita da Ferrovie dello Stato Italiane, celebra la sua quarta uscita e festeggia la sua nuova veste di mensile. Da maggio a ottobre 2015 sarà il punto di riferimento e accompagnerà i viaggiatori delle Frecce verso l’Esposizione Universale, con anticipazioni, interviste, notizie, percorsi e appuntamenti, regalando esclusive, con 6 uscite ogni primo giorno del mese. Visto il gradimento da parte del pubblico, ottenuto con La Freccia Expo di aprile Speciale Design, anche l’uscita di domani sarà supportata da una distribuzione speciale con hostess a bordo treno in due momenti clou, l’1 e il 6 maggio, oltre che nei FrecciaClub e su tutte le Frecce dirette a Rho Fiera Expo Milano 2015 in partenza dalle stazioni di Roma, Torino e Venezia.

Le riviste La Freccia e La Freccia Expo saranno non solo le uniche riviste di bordo, ma per il pubblico internazionale La Freccia Expo è interamente tradotta in inglese, a partire dalla copertina. I lettori apprezzeranno la qualità della rivista che è tangibile, in carta pregiata e una foliazione che ha raggiunto le 128 pagine e oltre 50 inserzionisti, tutte aziende d’eccellenza italiana o direttamente coinvolte nel progetto Expo 2015. “L’unicità di La Freccia e La Freccia Expo è quella di parlare a coloro che si recano all’Esposizione in maniera esclusiva, anticipando le novità che si apprestano a vedere – ha commentato Fabrizio Verdolin, ad di Emotional Pubblicità che raccoglie l’adv per i magazine -. Per gli inserzionisti catturare un target così altamente qualificato in un momento di massima attenzione è la scelta vincente che ci ha portato ad avere a maggio due magazine, La Freccia e La Freccia Expo, con oltre 300 pagine di foliazione e più di 120 inserzionisti”.

Apre il padiglione CasaCorriere@Expo, lo spazio dell’informazione

Domani con il quotidiano l’inserto ‘Orizzonti Expo: Porte aperte sul mondo’ con una tiratura straordinaria di 4,5 milioni di copie

Un padiglione realizzato con materiali green, che danno vita a una struttura trasparente, ospita CasaCorriere@Expo, lo spazio del Corriere della Sera nel cuore di Expo Milano 2015: una redazione aperta, dove leggere le ultime notizie, capire come si fa giornalismo nell’era moderna, votare il padiglione preferito con ViviMilano, guardare le mostre interattive sui temi di Expo, scoprire cosa c’è da fare e quali sono le attrazioni, dentro e fuori Expo, grazie a una serie di ‘Itinerari d’autore’. CasaCorriere, che occupa un’area di circa 400 metri quadri, di cui 100 al coperto, in una posizione centrale sull’asse principale del decumano, organizzerà una serie di incontri con ospiti e firme del quotidiano, interviste pubbliche, dibattiti. Gli appuntamenti fissi saranno: il caffè alle 10,30 e alle 14,30 tra notizie e consigli; l’aperitivo alle 19,30 ogni giovedì, venerdì e sabato; la domenica mattina dedicata ai bambini, con iniziative e intrattenimento su misura. All’interno di CasaCorriere, la redazione sarà operativa e i visitatori potranno osservare il giornale al lavoro, seguire sui monitor in diretta le news in italiano e inglese, sfogliare sui device il quotidiano del giorno, costruire virtualmente la propria prima pagina. A disposizione dei visitatori anche una piccola edicola Corriere, dove sarà possibile sfogliare e acquistare i collaterali del giornale, un’area lounge di lettura e un angolo relax dove sarà offerto il caffè. All’esterno, un’area verde dove due grandi totem mostreranno le pagine storiche del quotidiano e gli appuntamenti del giorno.

Domani il Corriere della Sera pubblica ‘Orizzonti Expo: Porte aperte sul mondo’, un ampio speciale di 80 pagine, bilingue, da conservare e collezionare, con una tiratura straordinaria di 4,5 milioni di copie. Diversi i contributi: da Umberto Eco a Emma Bonino e a Carlo Sini. La copertina d’autore è firmata da Lorenzo Mattotti. Lo speciale è anche una vera e propria guida a Expo con la presentazione del Padiglione Zero, porta d’ingresso di Expo 2015, e di quelli di Italia, Cina, Germania, Stati Uniti e Unione Europea. Inoltre, un articolo spiega una delle novità dell’esposizione universale milanese: i Cluster, le aree comuni che raggruppano i Paesi non con criteri geografici ma secondo identità tematiche e filiere alimentari. ‘Orizzonti Expo: Porte aperte sul mondo’ affronta i grandi temi della nutrizione del Pianeta e delle innovazioni per un futuro sostenibile. Una parte dello speciale si concentra sulla città di Milano e sulla sua capacità di essere accogliente, di ospitare turisti, di dare accesso alle persone con disabilità. Non solo servizi, ma anche profondi cambiamenti nella vivibilità, con il Naviglio navigabile e la Darsena nuova zona di passeggio; grande spazio alla cultura con le mostre ‘Arts & Foods’ in Triennale e ‘Mondi a Milano’ al Mudec, il nuovo Museo delle Civiltà; e ancora, in anteprima, il racconto della visita sulla passerella, presto aperta al pubblico, che si snoda sui tetti della Galleria e dalla quale si gode un nuovo, suggestivo panorama sui mosaici sottostanti, sul Duomo e sulla facciata del Teatro della Scala.

Oltre alla presenza in edicola di 500 mila copie domani, sarà speciale anche la distribuzione: Orizzonti Expo: Porte aperte sul mondo sarà distribuito con 250mila copie consegnate porta a porta nelle case milanesi; e inoltre con street marketing in 16 città (Milano, Monza, Bergamo, Brescia, Torino, Genova, Padova, Venezia, Trieste, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Palermo, Catania), nei 350 migliori hotel di Milano e Torino, nelle 800 vetture Car2Go di Milano, nei quattro aeroporti di Linate, Malpensa, Orio al Serio e Torino, nei taxi che collegano gli aeroporti all’area espositiva. Infine, 200 mila copie saranno distribuite nei ristoranti della catena McDonald’s. Lo speciale avrà grande visibilità a Milano: due auto Kia Soul elettriche gireranno nel cuore della città, per informare i lettori dell’inserto speciale dedicato all’Expo e distribuirne copie. ViviMilano avrà una copertura eccezionale del supplemento settimanale del Corriere per tutto il periodo di Expo: una doppia copertina, nuovi contenuti e rubriche e nessuna sospensione delle pubblicazioni per l’estate e presenta invece la guida bilingue ‘Milano al top – Expo Time’: food, drink, fashion, design e art sono le cinque categorie in cui è suddivisa la guida dedicata al meglio di Milano: 400 indirizzi per respirare l’atmosfera più attrattiva e prestigiosa, dalle boutique delle griffe più rinomate, ai concept store del design, passando per i monumenti e i musei. ‘Milano al top – Expo Time’ è in edicola a 12,90 euro in tutta la Lombardia, oltre il costo del quotidiano. Insieme alla guida è allegata una city map.

 

Filmmaster Events firma la cerimonia inaugurale dell’Expo in programma domani

Filmmaster Events, a un anno dalle Cerimonie Olimpiche di Rio 2016, firma la Cerimonia di Apertura di Expo 2015, in programma domani. Una cerimonia dalla forte identità istituzionale, in linea con il protocollo BIE – Bureau International des Exposition e dei grandi eventi internazionali. Oltre alla produzione e allo sviluppo del concept creativo, la società si occuperà anche della segreteria organizzativa, della gestione e della logistica degli ospiti invitati. La cerimonia è stata pensata per trasmettere i valori della tradizione e dell’eccellenza italiana e rimarcare l’importanza che riveste questa grande manifestazione per l’Italia e per il mondo intero. Un percorso che coinvolgerà in un unico filo narrativo alcune icone italiane. Filmmaster Events produrrà anche alcuni contenuti video e coordinerà tutti gli interventi live in accordo con il broadcaster Rai. Per la realizzazione della cerimonia è stata messa in piedi in poche settimane una macchina complessa ricca di contenuti che ha richiesto una grande expertise e una particolare attenzione al tema della sicurezza e al delicato tema del protocollo.

“Siamo molto orgogliosi di prendere parte alla Cerimonia di Inaugurazione di ExpoMilano 2015, è il completamento di una collaborazione lunga un anno. Expo è un evento molto atteso e finalmente è arrivato il momento di cominciare, e noi siamo pronti”, commenta l’amministratore delegato Antonio Abete.

Mentre Alfredo Accatino (nella foto), Creative & Artistic Director di Filmmaster Events, aggiunge: “Questa cerimonia ha un significato importante per noi, lavoriamo in Italia e metteremo il nostro paese al centro del mondo nei prossimi 6 mesi, per diventare poi protagonisti a RIO2016 con le Cerimonie Olimpiche. Nel nostro percorso abbiamo realizzato Cerimonie di portata mondiale come quelle di Torino 2006, i Giochi del Mediterraneo, il bicentenario del Messico e i Giochi del Commonwealth, e molte altre in cui i valori del paese e l’orgoglio nazionale venivano mixati con momenti di grande show. In questa occasione i toni sono stati senza dubbio istituzionali perché abbiamo voluto rispettare il protocollo e la richiesta di sobrietà richiesta dai vertici dell’Expo, tanto che anche parte degli allestimenti saranno riutilizzati nel corso del semestre, per una massima ottimizzazione. Siamo al fianco di Expo da oltre un anno, prima con gli eventi prodromici in preparazione all’Esposizione Universale, poi come Official Supplier & Partner e firmeremo infine i contenuti di 3 padiglioni delle società sponsor (Intesa, San Pellegrino e CNH). Stiamo respirando quest’aria da tempo e siamo sicuri che sarà una cerimonia memorabile. È un Expo tutto da vedere….”.

Mediaset, nel primo trimestre raccolta in calo dell’1,6%

L’assemblea degli azionisti Mediaset si è riunita ieri per approvare il bilancio 2014, che si è chiuso con ricavi consolidati netti pari a 3.414,4 milioni di euro (contro i 3.414,7 milioni di euro nell’esercizio 2013). Tra gli altri indicatori, si evidenziano l’Ebit positivo per 248,8 milioni di euro (rispetto ai 246,3 milioni di euro del 2013) e il risultato netto di Gruppo, che ammonta a 23,7 milioni di euro, in crescita rispetto agli 8,9 milioni di euro dell’anno precedente. Nominato inoltre il nuovo consiglio di amministrazione, che resterà in carica fino all’approvazione del bilancio dell’esercizio 2017 (vedi sotto).

Al termine dell’assemblea, i vertici del Gruppo hanno parlato dell’andamento dei primi mesi del 2015 e del futuro assetto dell’azienda. La raccolta pubblicitaria nel primo trimestre 2015 in Italia è risultata in calo dell’1,6%, come sottolineato dall’amministratore delegato Giuliano Adreani. Il vice presidente di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi (nella foto), ha precisato comunque che la raccolta di marzo è stata positiva dopo un calo del 3,8% a gennaio-febbraio. Quanto ai rumors degli scorsi giorni circa un ingresso di Vivendi (futuro azionista di peso di Telecom) nel capitale del Gruppo con una quota rilevante, Pier Silvio Berlusconi ha ribadito che “la quota di controllo di Mediaset resta salda nelle mani della famiglia Berlusconi”, anche se esiste la possibilità di progetti non a brevissimo termine con il gruppo francese di cui Vincent Bolloré è socio forte. Su Vivendi ha precisato che “c’è la possibilità di lavorare insieme, ma non ci sono progetti che a brevissimo vedranno il via”. Il vice presidente ha poi aggiunto che sono costanti anche i colloqui “su vari temi” con la famiglia Murdoch di Sky, confermando il recente incontro tra il padre Silvio Berlusconi e lo stesso Rupert Murdoch. Negli ultimi giorni si sono, infatti, rincorse notizie di un interessamento soprattutto per il bouquet a pagamento di Mediaset Premium da parte di Sky. Proprio su Premium, il secondogenito di Silvio Berlusconi ha detto che Mediaset è pronta a una eventuale partnership ma di non voler vendere.

“Vedo difficile tenere questa posizione con Sky”, che invece sembrerebbe interessata all’intera quota. “Con Telecom – ha aggiunto – ci sono dialoghi in corso, non trattative. Molti gruppi tlc ci cercano ma a noi non interessano banali accordi commerciali. Preferiamo rimanere indipendenti e neutrali rispetto alle varie compagnie telefoniche” e far avere i contenuti Mediaset a chi li vuole indipendentemente dall’abbonamento di banda larga. Diverso il caso di un “vero intreccio di servizi che porti a un’offerta triple o quadruple play”. Intanto il Gruppo sta lavorando a un’offerta integrata dei suoi contenuti, anche pay, su più piattaforme, satellite compreso. Tra i contenuti pregiati non ci sono solo i diritti del calcio “ma anche altro”, ha concluso Pier Silvio Berlusconi, sottolineando come “difficilmente” verrà annunciato qualcosa entro l’anno su questo fronte.


Fedele Confalonieri confermato alla presidenza

Il nuovo Consiglio Mediaset è così composto: Fedele Confalonieri, Giuliano Adreani, Marina Berlusconi, Pier Silvio Berlusconi, Pasquale Cannatelli, Mauro Crippa, Bruno Ermolli, Marco Giordani, Gina Nieri, Michele Perini, Niccolò Querci, Stefano Sala e Carlo Secchi (dalla lista di maggioranza presentata del socio Fininvest S.p.A.); Franco Bruni, Alessandra Piccinino, Fernando Napolitano e Wanda Ternau (dalla lista di minoranza presentata da un gruppo di società di gestione del risparmio e di investitori istituzionali). Otto i consiglieri esecutivi: Fedele Confalonieri, Giuliano Adreani, Pier Silvio Berlusconi, Mauro Crippa, Marco Giordani, Gina Nieri, Niccolò Querci e Stefano Sala. L’assemblea ha quindi confermato alla presidenza Fedele Confalonieri, il quale ha convocato il cda per oggi.

 

Ford torna agli anni 90 con ‘unFordgettable’ e Blue Hive Roma

Blue Hive Roma, l’agenzia del gruppo WPP dedicata alla comunicazione del cliente Ford Italia, con la direzione creativa di Federico Russo, firma ‘unFordgettable’, tre clip dedicate a come sarebbe la nostra vita se, per un giorno, ci trovassimo a vivere con le tecnologie degli anni 90.

Luca Colombo, country manager di Facebook Italia, Carlo Purassanta, amministratore delegato di Microsoft Italia e Salvatore Ippolito, country manager di Twitter Italia, hanno accettato di rinunciare, per un giorno, ai propri dispositivi elettronici, e di svolgere le proprie attività quotidiane utilizzando solo la tecnologia disponibile nei primi anni Novanta. Anziché tablet, pc, smartphone, social network e device high tech, le tre più alte cariche di Twitter, Facebook e Microsoft sono stati costretti a muoversi tra carta, floppy disk, telefoni cellulari giganti, computer fissi e vhs.

I tre manager sono stati protagonisti del progetto insieme a Ford Italia, presente in tutte e tre le clip con una Ford Fiesta del 1992 parcheggiata fuori dai rispettivi uffici. L’auto è stata messa a disposizione da un fan della community di Facebook di Ford italia. Il lancio del progetto ‘unFordgettable’ è sostenuto da una serie di iniziative social e native e da un’attività su una landing dedicata – www.unfordgettable.it – attraverso la quale gli utenti potranno inviare tweet in pieno stile (e linguaggio) anni 90. Le tre clip girate con la regia della casa di produzione TheJackaL, sono live sui canali social di Facebook, Microsoft e Twitter e sui domini social di Ford Italia.

Ticket Restaurant cambia la grafica con Zooppa

Creativi da tutto il mondo ridisegneranno l’icona della pausa pranzo: il Ticket Restaurant. Nato nel 1976 da un’intuizione di Edenred, oggi leader mondiale nella gestione dei fondi finalizzati per le imprese, dopo 39 anni il Ticket Restaurant vuole cambiare look e si affida al crowdsourcing per trovare il suo nuovo stile.  Il gruppo Edenred, proprietario del marchio, annuncia così l’iniziativa ‘Ticket Restaurant #inspiretomorrow’, un progetto creativo realizzato in collaborazione con Zooppa,  produttore al mondo di contenuti in modalità crowdsourced, tramite il quale gli iscritti alla piattaforma sono chiamati a realizzare delle proposte grafiche per dare vita alla nuova immagine coordinata dei buoni pasto Ticket Restaurant, utilizzati quotidianamente da oltre 1,5 milioni di lavoratori.

“Trecentomila creativi si cimenteranno in questo progetto – spiega Andrea Keller, ad di Edenred Italia-. Crediamo nel valore e nei vantaggi delle forme di intelligenza collettiva come quella rappresentata dalla piattaforma di crowdsourcing Zooppa. Siamo alla ricerca di un’idea originale e inedita che segni la storia di quello che è stato il primo benefit per i lavoratori italiani e che, a distanza di quasi 40 anni, si conferma ancora il servizio di welfare più apprezzato”.

Fra tutti i progetti pervenuti, una giuria composta da clienti e dipendenti che utilizzano i Ticket Restaurant in collaborazione con Banco Alimentare, onlus che lotta contro lo spreco del cibo, sostenuta da Edenred e coinvolta nell’iniziativa, selezionerà i progetti migliori e decreterà il vincitore assoluto, cioè il progetto che potrà essere utilizzato per l’immagine coordinata dei servizi Ticket Restaurant. Gli ‘zooppers’ saranno liberi di presentare un progetto completo e coordinato (che preveda una proposta per ognuno dei 3 elementi richiesti) o di caricare delle singole proposte che contengano solamente uno dei tre elementi e avranno tempo fino al 15 giugno per caricare le loro creazioni sulla pagina dedicata Ticket Restaurant – #inspiretomorrow.

Nel caso i giurati fossero colpiti non da un progetto completo ma da singole proposte, i vincitori saranno tre, uno per ogni categoria. Dal 15 giugno al 15 luglio sarà inoltre aperta la fase di votazione su Zooppa, tramite la quale gli utenti registrati potranno votare le proposte preferite.

Per il brief completo CLICCA QUI