Clear Channel Italia, prevista una crescita del 6% nel 2015

1 dicembre 2014

Paolo Dosi

Chiusura 2014 a 96 milioni di euro (+30% sul 2013). Terzo trimestre a +44%. Il ceo Paolo Dosi: “Il percorso di forte trasformazione, iniziato l’anno scorso ci sta ripagando del grande lavoro svolto”

 

Clear Channel Italia ha chiuso il terzo trimestre registrando un incremento del 44% (vs il 2013) e sta affrontando con grande convinzione gli obiettivi sfidanti dell’ultimo trimestre, incoraggiata dall’attuale performance che sta consentendo all’ooh di essere uno dei pochi media con segno positivo, nonostante il mercato della pubblicità preveda un ultimo trimestre in contrazione rispetto al 2013.

In termini di margine operativo l’andamento di Clear Channel è confortante rispetto alla situazione in cui versava prima del rilancio, a conferma dell’efficacia del percorso che sta proseguendo, volto a realizzare una solida e sostenibile crescita profittevole. Clear Channel Italy chiuderà il 2014 con un fatturato a quota 96 milioni. Per il 2015 Clear Channel non si ferma qui ma ha già in cantiere diversi progetti ambiziosi volti a proseguire questo sviluppo per diventare una media company.

“Clear Channel Italia chiuderà il 2014 in forte crescita che in termini percentuali significa oltre il 30%, sia grazie al nuovo contratto di ADR-Aeroporti di Roma  sia a una crescita organica. Il percorso di forte trasformazione, iniziato l’anno scorso, volto a soddisfare le nuove esigenze del mercato, a cercare di comprendere gli obiettivi di comunicazione dei nostri clienti e a trovare nuove forme di engagement dei consumatori dei nostri brand sta dando i suoi frutti e ci sta ripagando del grande lavoro svolto. La strada è ancora lunga, ma questi risultati positivi confermano la validità della nostra strategia e per il 2015 prevediamo un’ulteriore crescita pari a circa un 6% a parità di perimetro”, spiega a Today Pubblicità Italia Paolo Dosi, ceo di Clear Channel Italia.