Country Brand Index 2014, l’Italia al 18° posto. Giappone su tutti

18 novembre 2014

Lo studio di FutureBrand analizza le nazioni come brand

 

FutureBrand, la società internazionale di consulenza e design di marca, ha lanciato la nona edizione del Country Brand Index, lo studio che analizza i Paesi come brand e stila la classifica delle nazioni che hanno ottenuto i migliori punteggi all’interno di parametri di valutazione quali Sistema Valori, Qualità della vita, Potenziale di Business, Tradizione & Cultura, Turismo e Made In.

L’Italia è al 18° posto della classifica (nell’edizione 2012-2013 del CBI occupava il 15° posto), distante dalla top ten capitanata dal Giappone, il brand-Paese che ha meglio saputo proporsi come meta trasversale ai pubblici interessati a turismo, affari, studi o a viverci. Seguono sul podio Svizzera e Germania.

L’immagine dell’Italia che il CBI ci rimanda è quella di un Paese con forti e molteplici attrattive culturali, artistiche, naturali, gastronomiche, ma con poca attenzione all’ambiente, infrastrutture scarse, poco appealing in termini di sicurezza, salute, istruzione, tolleranza, libertà politica e standard di vita. Un Paese poco appetibile dagli investitori e non particolarmente smart per quanto riguarda la tecnologia evoluta.

“Cultura, cibo, bellezza sono i nostri asset strategici, il core irrinunciabile e induplicabile della nostra ‘Impresa Paese’ – spiega Silvia Barbieri, Head of Strategy FutureBrand Italia -. Fino a qualche tempo fa questo approccio bastava a reggere il brand Italia: ora si devono creare alleanze operative e reti di eccellenza, nel rispetto delle diversità culturali. Una volta rilanciato il core e quindi protetta la competitività strategica dell’Italia, si aprirà anche l’opportunità di diversificare e portare la nostra cifra di eccellenza in settori importanti ma non core. Tutto il mondo cerca la nostra induplicabilità, impariamo a porgerla con forza”.

Lo studio è basato su dati  qualitativi e quantitativi provenienti da 2.530 opinion maker e frequent flyer per turismo e business in 17 Paesi del mondo (Usa, Canada, Brasile, Argentina, Messico, UK, Germania, Francia, Russia, Turchia, Sud Africa, EAU, India, Cina, Thailandia, Giappone e Australia).

I risultati sono scaricabili al link http://www.futurebrand.com/cbi/2014.