Avvenire verso una chiusura d’anno positiva, in crescita le copie medie digitali

5 novembre 2014

‘Protagonista del cambiamento’ è il claim del quotidiano cattolico Avvenire. Tradotto dal linguaggio dell’advertising “significa mettersi continuamente in discussione, confrontarci con il mondo che ci circonda ed evolvere di pari passo”, come spiega a Today Pubblicità Italia Paolo Nusiner, direttore generale della testata diretta da Marco Tarquinio. In un’epoca di calo drastico delle vendite e di contrazione dei ricavi editoriali e pubblicitari, il caso di Avvenire rappresenta una sorta di isola felice nel panorama della stampa quotidiana italiana con le sue 95.313 copie diffuse (cartaceo+digitale, fonte: Ads, agosto 2014). “In effetti la nostra diffusione è in costante crescita – continua Nusiner -. Secondo l’andamento dei primi nove mesi dell’anno e le proiezioni dei prossimi mesi, il quotidiano dovrebbe chiudere anche quest’anno con una diffusione cartacea in leggera crescita e una diffusione digitale che, ai trend attuali, si avvia a raggiungere le 5.000 copie medie giorno diffuse su base annua. I motivi? Mi piace pensare che la ragione maggiore risieda nella qualità dei nostri prodotti editoriali, nel legame di fiducia che instauriamo con i nostri lettori. Il mondo dell’informazione è complesso e variegato, certo, ma c’è ancora un grande spazio per l’informazione di valore e di qualità. Utilizzando il tipico linguaggio manageriale, potrei dire che ci confrontiamo ogni giorno con i nostri stakeholders. Ma la nostra peculiarità è che tra loro noi annoveriamo anche gli ultimi della terra e perseguiamo con forza e determinazione l’esortazione di Papa Francesco che tanta nuova vitalità sta dando al mondo cattolico”.

Avvenire si caratterizza proprio per il suo elevato numero di abbonati: come riuscite a mantenere alto il loro livello di fedeltà?

L’approccio che pone il lettore al centro è apprezzato dai lettori e proprio questo rende ragione del fatto che Avvenire è il solo quotidiano italiano ad avere un lettorato composto per oltre l’80% da abbonati, con un tasso di fedeltà al rinnovo superiore all’85%. La forte concentrazione di novità nel digitale contribuisce allo sviluppo del concetto di abbonamento integrato, dove la fedeltà non è più al solo giornale, ma all’intero sistema informativo ‘always on’ che stiamo proponendo.

Quali sono le peculiarità dei nuovi servizi digitali pensati per i vostri lettori?

Da sempre Avvenire pone il lettore al centro di tutto il suo sistema informativo. E lo sviluppo dei nuovi servizi digitali ha l’obiettivo primario di aggiornare questo fondamentale concetto permettendo nelle 24 ore un accesso continuo, agevole e stimolante alle informazioni. La prima edizione del quotidiano è disponibile online già dalla mezzanotte, rendendo Avvenire uno dei primi quotidiani a offrire questo servizio. Al momento della pubblicazione definitiva, alle 6 del mattino, a tutti gli utenti registrati, in automatico viene inviata per e-mail una newsletter che contiene la prima pagina del giorno e l’elenco di tutti i titoli della pagina, con il link attivo che rimanda alla lettura nel sito; ad oggi raggiungiamo ogni giorno circa 8.500 lettori che si sono registrati per questo servizio. Nella newsletter abbiamo previsto anche uno spazio pubblicitario ad hoc. Tenere il giornale vicino al lettore significa poterlo rendere sempre fruibile in ogni occasione: in quest’ottica è stata implementata una nuova funzione che adatterà il quotidiano alla lettura tramite i più diffusi lettori di libri digitali. La copia del giornale verrà quindi resa disponibile in un formato e-pub, sfogliabile e fruibile al meglio con questi particolari strumenti, oggi molto diffusi.

Le innovazioni vanno incontro anche le esigenze dei lettori disabili.

Al fine di rendere il giornale fruibile non solo nei diversi momenti della giornata ma anche nelle diverse condizioni di lettura, Avvenire ha reso disponibile, per ogni articolo pubblicato sull’edizione digitale del giornale o sul sito (e prossimamente nelle app), un sofisticato sistema di lettura automatica tramite un sintetizzatore vocale di ultima generazione, che rende molto piacevole e “umano” l’ascolto delle notizie. Per facilitare ulteriormente il lettore, il sistema evidenzia la frase che viene letta e permette di selezionare le singole parole o le frasi da leggere. Oltre al sito accessibile per i disabili o ipovedenti, offriamo anche la possibilità di leggere il giornale digitale in modalità accessibile, ovvero senza elementi grafici e con testo in html utilizzabile dai più comuni sistemi di lettura per ipovedenti. Tutte le nostre App offrono ora lo stesso look and feel indipendentemente dal tipo di device utilizzato. Il tutto è responsive in funzione del dispositivo utilizzato. Una nuova App ibrida, infine, avrà integrata la possibilità di visualizzare i contenuti del sito di Avvenire sfruttando i feed RSS.

Claudia Cassino