Ebuzzing & Teads diventa solo Teads

7 ottobre 2014

Cambio di nome e rebranding globale

Per Ebuzzing & Teads cambio di nome e rebranding globale. Da oggi si chiamerà solo Teads. Il cambio di nome e il rebranding globale rispecchia la crescita dell’azienda nel mercato mondiale del video, grazie anche al formato inRead e alla sua piattaforma di programmatic advertising. L’annuncio rappresenta una punto di svolta per la società che nei prossimi mesi sarà fortemente focalizzata e orientata a rinnovare il settore del video advertising, grazie al sua innovativa SSP video. Quest’ultima supporterà la distribuzione strategica dei più prestigiosi formati outstream, tra cui l’inRead. “Oggi, festeggiamo un nuovo episodio della nostra crescita fenomenale – dichiara Pierre Chappaz (nella foto), Executive Chairman di Teads -. La nostra missione è reinventare la pubblicità video online. La nostra tecnologia outstream è un punto di svolta che consente ai premium publisher che inseriscono i nostri ad format all’interno dei loro contenuti editoriale, di offrire ai brand nuove inventory. Ci impegneremo per consolidare la nostra leaderhip mondiale, perché siamo gli unici a disporre di una tecnologia di video advertising di alta qualità e senza precedenti”. Il nuovo brand Teads ha già la sua importante credibilità nel mercato mondiale del video. E’ sostenuto dalla forza di oltre 300 dipendenti che operano in 25 uffici in tutto il mondo. Quest’azienda entro la fine del 2014 sarà prossima un fatturato di 100 milioni di dollari, segnato da un incremento pari a +50% rispetto al 2013.

Christophe Parcot, l’ex direttore di Yahoo Europe, nominato Chief Operating Officer

Teads punta verso il mercato globale del Video Ad Technology

La notizia segue quella della fusione dello scorso marzo, tra Ebuzzing (uno dei provider in più rapida crescita nel mercato mondiale del video advertising) e Teads (una video ad management supply side platform (SSP) utilizzata da gran parte dei premium publisher e dai principali ad network). Teads può vantare di essere stato il primo promotore del concetto di ‘oustream’. A differenza delle strategie video instream, che prevedono l’inserimento degli annunci all’interno dello streaming di un altro video (come ad esempio il pre-roll), l’outstream video advertising posiziona gli annunci fuori dal flusso tradizionale. Questo vuol dire che i contenuti possono essere inclusi tra due paragrafi di un articolo oppure tra due immagini di una presentazione o all’interno di un newsfeed fruibile tramite smartphone. Teads è in prima linea nel settore del video online. Secondo Magnablobal, nel 2016 le revenue mondiali toccheranno gli 11,4 miliardi dollari. “Al mercato del video advertising manca un inventario pubblicitario di qualità poiché la maggior parte dei contenuti video su internet è prodotta degli utenti – si legge in una nota – . Per questa ragione, i brand sono spesso riluttanti nell’affiancare i loro annunci a questo tipo di contenti. Tutto questo è aggravato dal fatto è l’attuale inventory video disponibile sul web è solo del 4%”. Teads, in maniera efficace ed elegante, risolve questa carenza mettendo a disposizione formati innovativi come l’inReadche è già considerato il fiore all’occhiello dell’intera offerta. Questo fa sì che i publisher possano inserire video ads nei loro articoli e non prima di un altro video, in totale rispetto di quella che è l’esperienza di navigazione dell’utente.
Bertrand Quesada, ceo di Teads, ha dichiarato: “collaboriamo con i publisher di tutto il mondo e abbiamo una tecnologia premium capace di generare inventory senza precedenti. Teads ha la capacità di erogare campagne video negli ambienti migliori del web e su tutto il territorio mondiale. L’azienda recentemente ha lanciato in 23 Paesi differenti una campagna per Breitling. Molti altri marchi come Samsung, Hyundai-Kia, Google, Heineken e AT&T stanno lavorando con Teads per ulteriori strategie internazionali. I formati pubblicitari sviluppati da Teads consentono agli utenti d’interagire con il contenuto pubblicitario solo se lo desidera. Si tratta di soluzioni outstream, non intrusive poiché il video non è mai sovrapposto ad altri contenuti. Infine, il rivoluzionario concetto ‘view to play’ dell’inRead, sviluppato da Teads nel 2013, pone fine alla questione della viewability: la riproduzione del video parte solo quando l’utente è perfettamente parallelo alla porzione di pagina del sito in cui il contenuto pubblicitario è inserito. Teads ha inoltre rafforzato il proprio management team con la recente nomina a coo di Christophe Parcot, (precedentemente in carica a Yahoo! come direttore Europa). Il suo ruolo sarà prezioso per rafforzare l’espansione mondiale dell’azienda. Parcot è entrato ufficialmente a far parte di un team di leadership tra cui il Presidente Esecutivo Pierre Chappaz, il ceo Bertrand Quesada, il cso Loic Soubeyrand, il ctoLoic Jaures, la cfo Caroline Barbery, la cmo Rebecca Mahony e il VP Technology, Managed Services Gilles Moncaubeig.