Mediaset Premium, la nuova stagione delle serie tv. Abbonamenti sotto i 2 milioni

18 settembre 2014

Marco Leonardi (nella foto) passato alla direzione Acquisti Diritti del gruppo di Cologno. Alla direzione Innovazione e Contenuti della pay tv subentra Gianni Modina. Per la raccolta adv stimata una chiusura dell’anno in linea con il 2013. A Natale il temporary channel Premium Prestige

 

Sette nuove stagioni di serie tv dal 23 settembre fino a dicembre, mentre da gennaio ad aprile 2015 altre 20 nuove serie, di cui 5 novità per ogni canale, per un totale di 800 episodi che alimenteranno 160 prime serate. Si presenta con tanta carne al fuoco la nuova stagione 2014-2015 di Mediaset Premium con l’offerta per i quattro canali Joi, riposizionato un anno fa come rete comedy, Crime, la casa del genere poliziesco, Action, dedicato alla sci-fi pena di adrenalina, e Mya, rivolto al mondo femminile.

Dai debutti di Orange Is The New Black, Gotham, The Flash, The 100, Hemlock Grove, Undateable, Chicago PH fino ai proseguimenti di Orphan Black  Arrow, Sherlock, The Big Bang Theory, Person of Interest, Suits, Parks&Recreation, Shameless, The Vampire Diaries, Chicago Fire, 2 Broke Girls, Pretty Little Liars, Due uomini e mezzo e Grimm.

Il gruppo di Cologno “sta riflettendo sulla possibilità di lanciare nuovi canali ma la riflessione principale si è concentrata sui contenuti per le quattro reti con quattro target differenti, attraverso il potenziamento dei titoli. L’investimento ha riguardato anche i contenuti per Infinity: nei suoi dieci mesi di vita abbiamo capito le necessità la tipologia di clienti della piattaforma e da giugno scorso l’offerta è stata estesa anche alla categoria delle serie, compresa la fiction italiana”, ha spiegato Marco Leonardi, che dall’1 settembre ha lasciato il suo ruolo di direttore Innovazioni e Contenuti della pay tv, per andare a seguire la direzione Acquisizione Diritti. Al suo posto c’è Giovanni Modina, ex direttore di Canale 5 fino al 2006 e successivamente vicedirettore generale Gestione Diritti Mediaset.

Uno dei must su cui punta Premium è Orange Is The New Black, la serie di Netflix, ambientata in un carcere femminile, in programma su Mya dal 23 settembre con le prime due stagioni in anteprima. Su Joi in anteprima assoluta dal 25 novembre Undateable, secondo i critici Usa ‘la sit com dell’anno’, mentre c’è grande attesa per la partenza di Gotham, il prequel delle gesta del ragazzino che diventerà l’uomo pippistrello, con le prime due puntate in chiaro su Italia 1 il 12 ottobre (con tanto di count down per le tre domeniche precedenti con la trilogia di Christopher Nolan su Batman) e su Action dal 20 ottobre.

“La proposta delle pay tocca tematiche più delicate e di nicchia e la qualità delle serie è cresciuta con il contributo di registi e attori traghettati dal cinema sui prodotti seriali: di conseguenza cerchiamo di ridurre il più possibile la distanza con la messa in onda negli Stati Uniti”, ha proseguito Leonardi.

Data la difficile stagione del mercato, gli abbonamenti sono scesi sotto i 2 milioni. “Questo è però un anno di transizione perché non abbiamo i diritti della Champions League, ma la tenuta è stata superiore alle aspettative – ha spiegato il manager -. Non abbiamo attuato nessuna politica di aumento di prezzo per gli abbonamenti e a questi va aggiunto il numero delle carte prepagate che si aggira attorno alle 200mila unità, uno zoccolo duro nato insieme a noi 10 anni fa. Nel 2015 crescerà l’investimento destinato agli acquisti dei diritti di sport ed extra sport, quindi anche di cinema e serialità, in quanto Premium non sta pensando a realizzare produzioni originali. Sebbene i canali rimangano centrali nella strategia di Premium, continua a crescere la penetrazione di Premium Play nella nostra customer base, giunta al 20% del totale. L’obiettivo è, ovviamente, quello di aumentare la base al maggior numero di famiglie italiane”.

E come già annunciato dal vice presidente Mediaset Pier Silvio Berlusconi, le speranze sono riposte soprattutto nel 2015 con l’esclusiva sulla Champions League.

“La raccolta pubblicitaria, partita bene nei primi mesi 2014, ha subito una flessione nel corso dell’anno: attualmente non siamo in linea con i valori del pari periodo 2013, ma stimiamo di poter raggiungere l’obiettivo di pareggio a fine 2014, coadiuvati dalla nostra concessionaria. Del resto il mercato pay è interessante per gli investitori”, ha concluso Leonardi che ha poi presentato un’altra novità: dal 15 novembre al 6 gennaio 2015 sarà lanciato un temporary channel, Premium Prestige, con una programmazione confezionata ad hoc con serie e film sul tema delle festività natalizie.

 

Valeria Zonca