In Italia sbarca la piattaforma Twitter Advertising per le Pmi

5 settembre 2014

Due i prodotti principali: gli Account e i Tweet Sponsorizzati

E’ arrivata anche in Italia Twitter Advertising dedicata alle Piccole e Medie Imprese. La piattaforma self-service permetterà alle aziende interazione, acquisizione di nuovi clienti, selezione mirata del target per una gestione della campagna e del budget in totale autonomia e semplicità. La piattaforma è corredata da una serie di strumenti pensati per semplificare e ottimizzare la promozione delle attività su Twitter ed entrare in contatto con un pubblico che condivide gli stessi interessi. Twitter Advertising permette ai brand di ampliare la propria presenza sulla piattaforma basandosi sui reali interessi del pubblico di riferimento e servendosi di un’ampia varietà di opzioni per la definizione del target. Due i prodotti principali, gli Account Sponsorizzati, con cui dare vita a una comunità attiva fatta di follower influenti nel proprio settore di attività e di potenziali ambassador del marchio; e i Tweet Sponsorizzati, con cui diffondere ulteriormente il messaggio raggiungendo anche utenti che non sono ancora dei follower. Lanciata nell’aprile 2013 negli Usa e successivamente in Europa, la piattaforma conta al suo attivo migliaia di aziende che hanno utilizzato le soluzioni sponsorizzate di Twitter per entrare in contatto con i loro clienti, acquisirne di nuovi,, interagire con le diverse realtà locali e verificare verificare in prima persona il valore aggiunto apportato da Twitter nella relazione con il cliente finale e, in ultima analisi, sul fatturato.

Con Twitter Ads pieno controllo sulla campagna, sul target da raggiungere e, sul budget da investire
Da oggi, inoltre, grazie alle nuove Campagne per Obiettivi, chiunque può iniziare in pochi passi la propria attività su Twitter Ads, creando e ottimizzando con facilità la propria campagna, in base agli specifici risultati che si vogliono raggiungere. Aumentare follower, portare traffico al sito, ampliare il reach, incrementare i download di un’app, generare lead: per ogni obiettivo, il processo di impostazione della campagna consiglierà il formato pubblicitario più adatto. Alcuni nuovi strumenti, quali la possibilità di editare le immagini in modalità drag-and-drop, renderanno ancora più agevole la creazione del messaggio pubblicitario. Studiate per massimizzare il ROI degli inserzionisti, le Campagne per Obiettivi prevedono un addebito dei costi solo nel momento in cui un utente compie un’azione in linea con gli obiettivi di marketing prefissati. Ad esempio, se l’obiettivo è generare lead, si avrà un costo solo nel caso in cui un utente fornirà le proprie informazioni personali all’interno della Lead Generation Card di un Tweet Sponsorizzato. Allo stesso modo, le campagne di app engagement o app install sono basate sul modello di pricing cost-per-app-click (CPAC). Grazie alla semplicità di Twitter, se si è in grado di twittare, si è anche in grado di avviare un’attività pubblicitaria su Twitter, besterà  un account e una carta di credito per iniziare e toccare con mano i vantaggi di Twitter Ads. La nuova paittaforma offre  un ttotale controllo sulla campagna pubblicvitaria, sul target da raggiungere e, sul budget da investire. Nel frattempo, l’attività organica continuerà, ovviamente, a essere gratuita: l’azienda potrà twittare come ha sempre fatto, e decidere di sponsorizzare solo i contenuti che riterrà opportuni.