Il mito delle più belle auto rivive su Automobilismo d’Epoca di agosto-settembre

1 agosto 2014

La cover di Automobilismo d’Epoca di agosto-settembre punta sulla Peugeot 106 Rallye. La guida all’acquisto parla della Lancia Beta H.P.E., coupé con il portellone che negli anni ’70 ripropose il concetto della coupé con il portellone che ebbe un periodo di fulgore una decina di anni prima. Tra le ‘bellissime’, ecco la Fiat 1200 Granluce, sorella più prestigiosa della 1100/103, che non ebbe il successo sperato dalla casa torinese. Un’altra ‘bellissima’ racconta l’interessante storia della Intermeccanica, piccola casa fondata da un ungherese trapiantato in Italia. Due gli Speciali: una Mini Cooper S con il portellone, realizzata per il ministro inglese Ernest Marples, e una piccola Sport su base Simca, ricostruita partendo da un tipico relitto ritrovato in condizioni disperate. A luglio si è disputata la ‘Le Mans Classic’, tra le più importanti gare per auto d’epoca. Tra le numerose manifestazioni dell’estate, su questo numero i reportage dalla Cesana-Sestriere, a cui la redazione ha partecipato con un’Alfa Romeo Giulietta SS, e dalle mitiche Sport a Bassano. Chiude la sezione sportiva l’intervista a Gian Luigi Picchi, Campione italiano di F3 negli anni tremendi dei circuiti cittadini, poi ‘ufficiale’ Autodelta. Automobilismo d’Epoca come tutte le riviste Edisport Editoriale (www.edisport.it) è disponibile in edicola, e nelle versioni per tablet, smartphone e pc oltre che ogni istante online, all’indirizzowww.automobilismo.it