Sizmek: integrazione di strategie ‘data driven’ e soluzioni di programmatic buying location based

1 agosto 2014

Parla Yuval Rachlin, country manager Italia e Spagna

Sizmek, sigla di riferimento per l’advertising digitale con sedi in 48 Paesi, tra cui anche l’Italia, mette in relazione 13.000 inserzionisti e 5.000 agenzie con le proprie audience di riferimento in tutto il mondo gestendo oltre 1.500 miliardi di impression all’anno. “Numeri che confermano come Sizmek sia in grado di offrire agli operatori marketing la più creativa e incisiva gestione di campagne digitali multiscreen mobile, desktop, rich media, video e social – sottolinea Yuval Rachlin (nella foto), country manager Italia e Spagna -. Proprio perché sappiamo le abitudini d’uso degli utenti, offriamo una piattaforma, Sizmek MDX, il cui cuore è un data engine capace di gestire campagne multiscreen per ogni device con una visione olistica”. Un sistema aperto di advertising aperto che integra gli aspetti chiave della gestione pubblicitaria, dalla gestione della campagna ai canali di marketing e dalla pianficazione media ai dati e analisi. “L’evoluzione più ovvia in questo mercato sarà l’integrazione di strategie ‘data driven’ basate sui dati delle piattaforme di data management degli inserzionisti. Per raggiungere risultati ancora più consistenti, brand e inserzionisti stanno intensificando l’uso di strategie di dynamic creative optimization. Sizmek offre già anche queste soluzioni che permettono ad alcuni nostri clienti di cambiare in modo dinamico la creatività sulla scorta dei dati ricevuti dalla piattaforma di programmatic buying. Un ulteriore sviluppo vedrà un miglior uso dei dati di cookie degli editori insieme a soluzioni di programmatic buying location based sfruttando i dati del device in uso dall’utente”. Oggi gli inserzionisti richiedono una soluzione tecnologica scalabile capace di distribuire una creatività su ogni schermo: mobile, desktop o tablet. “Sizmek è preparata per offrire ai nostri clienti la migliore soluzione indipendentemente dalla tecnologia che vogliono usare. Se una campagna è sviluppata in HTML5, i nostri prodotti sono in grado di gestire campagne digitali verso ogni tipo di schermo. Puntiamo a facilitare la diffusione del mobile advertising e per questo non vogliamo aggravare il percorso con ulteriori livelli di complessità. HTML5 è il cuore della nostra piattaforma e lo integriamo nel processo dei nostri clienti: gli stessi strumenti che hanno sempre usato per aumentare rilevanza e engagement sul desktop, oggi li possono ritrovare, ovunque, in ogni device”. Un esempio è il recente nuovo progetto di Italiaonline per Samsung Galaxy Tab S “dove abbiamo messo a disposizione la nostra competenza e i nostri strumenti per una campagna multi cross device composta da un’animazione interattiva realizzata utilizzando i linguaggi Flash e HTML5 che adattano la creatività della campagna a qualsiasi device utilizzato dall’utente, migliorando la user experience e facilitando la fruizione”.
Online

 

Sizmek: integrazione di strategie ‘data driven’ e soluzioni di programmatic buying location based

Sizmek, sigla di riferimento per l’advertising digitale con sedi in 48 Paesi, tra cui anche l’Italia, mette in relazione 13.000 inserzionisti e 5.000 agenzie con le proprie audience di riferimento in tutto il mondo gestendo oltre ben 1.500 miliardi di impression all’anno. Numeri che confermano come la società sia in grado di offrire agli operatori marketing campagne digitali multiscreen mobile, desktop, rich media, video e social. Proprio perché sappiamo le abitudini d’uso degli utenti – spiega Yuval Rachlin, country manager Italia e Spagna -, offriamo una piattaforma, Sizmek MDX, il cui cuore è un data engine capace di gestire campagne multiscreen per ogni device con una visione olistica”. E in un mercato mutevole, alla ricerca di strategie e tecnologie ben calibrate il programmatic buying “è sicuramente un forte messaggio di cambiamento ed è una naturale evoluzione del media buying che pone rimedio ad alcune lacune. Sostituisce parte dell’intervento umano, permette di pianificare advertising comportamentale e aiuta ad ottimizzare i costi. L’evoluzione più ovvia – continua il manager – sarà l’integrazione di strategie ‘data driven’ basate sui dati delle piattaforme di data management degli inserzionisti. Per raggiungere risultati ancora più consistenti, brand e inserzionisti stanno intensificando l’uso di strategie di dynamic creative optimization. Sizmek offre già anche queste soluzioni che permettono ad alcuni nostri clienti di cambiare in modo dinamico la creatività sulla scorta dei dati ricevuti dalla piattaforma di programmatic buying. Un ulteriore sviluppo vedrà un miglior uso dei dati di cookie degli editori insieme a soluzioni di programmatic buying location based sfruttando i dati del device in uso dall’utente”.

E’ decisamente un anno “pieno”, ricco di cambiamenti e di nuove funzionalità per Sizmek. “Sappiamo che il mercato del digital advertising è in costante evoluzione. Noi vogliamo offrire le migliori soluzioni ai nostri clienti – sottolinea Rachlin -. Per raggiungere questo obiettivo continuiamo a introdurre nuove funzionalità a beneficio degli inserzionisti. In queste ultime settimane abbiamo presentato il targeting legato alle condizioni metereologiche per le piattaforme di pre-bid buying sviluppato da Peer39. Per la prima volta nel mercato, gli inserzionisti, le agenzie e i trading desk possono targettizzare con il  programmatic buying usando, in pre-bid, diversi dati legati alle condizioni meteorologiche tra cui la variazione di temperature, la presenza di vari eventi metereologici, le attuali condizioni meteo, l’incidenza dei flussi di influenza e, presto, anche quelli dei pollini. Poi abbiamo annunciato Sizmek Attribution Suite, la nuova e completa soluzione di attribution per l’analisi delle campagne digitali multi-canale. Con un’unica piattaforma, inserzionisti e agenzie possono ora raccogliere dati, realizzare modelli e analizzare l’impatto di ciascun punto di contatto con il consumatore lungo il percorso di conversione, identificando il mezzo più efficace ed eliminando mezzi, annunci o posizioni che non aiutano a raggiungere gli obiettivi degli inserzionisti. Poi è stata la volta di Sizmek Vantage Programmatic Sevice che, insieme al nostro team di professionisti specializzati in programmatic, aiuta agenzie, brand e trading desk a migliorare le performance di una campagna e ad ottimizzare le campagne programmatiche sui diversi canali digitali. Questo gruppo ha tre compiti specifici: gestire i servizi di trading, fornire consulenza per le campagne programmatiche, fornire assistenza per l’integrazione di rich media negli acquisti in programmatic. Ancora in giugno abbiamo annunciato la soluzione Video Verification che consente agli investitori di poter determinare con precisione la qualità di una campagna di video advertising, che può variare tantissimo tra editori e posizioni pubblicitarie. In confronto al display advertising, l’online video advertising è relativamente nuovo, con un’inventory limitata e talvolta di mediocre qualità. Questo comporta la difficoltà di valutare, senza strumenti specifici, la brand safety e il contesto della pagina, due elementi principali di controllo per le campagne di video advertising. E infine di recente abbiamo portato sul mercato Audience Suite: uno strumento che unisce la misurazione Sizmek MDX delle performance, con i dati provenienti dalle due fonti leader nella misurazione: comScore vCE® e Nielsen Online Campaign Ratings. Quindi il nostro impegno è di continuare ad innovare per fornire le migliori soluzioni ai nostri partner”.