Per Nielsen Twitter Tv Ratings in Italia un esordio Mondiale

17 luglio 2014

In attesa del lancio in Italia dello strumento di misurazione dei tweet relativi ai programmi tv, Nielsen diffonde i primi dati italiani di Activity e di Reach su Twitter misurati durante i Mondiali di Calcio in Brasile. In Italia sono stati 3,1 milioni di tweet postati durante tutte le partite, 17,5 milioni di impression (numero complessivo delle volte in cui i tweet sono stati visti) generate dai quasi 310 mila tweet postati sul celebre social network durante la finale trasmessa da Raiuno e Sky Mondiale1. Balotelli ha vinto la speciale classifica del giocatore con più citazioni tra gli utenti di Twitter con 15.800 tweet.

Per quanto riguarda la nazionale italiana, la partita con il più alto numero di tweet è stata Italia–Uruguay, con oltre 508 mila tweet e un picco di 4.800 tweet alle 19:40, dopo il morso di Suarez sulla spalla di Chiellini.La competizione calcistica è stato il banco di prova per Nielsen Twitter Tv Ratings in Italia, l’innovativo strumento di misurazione dell’attività e dell’audience delle conversazioni su Twitter relative ai programmi televisivi, disponibile per il mercato italiano già dal prossimo autunno, grazie all’accordo esclusivo tra Twitter e Nielsen.

Attraverso questo servizio, anche in Italia i programmi televisivi saranno quantificati in termini di attività su Twitter, intesa come numero di autori e commenti, ma anche dal punto di vista dell’audience, cioè il numero delle persone che hanno effettivemente visto questi stessi tweet. Oltre al dato di audience, Nielsen Twitter TV Ratings è in grado di calcolare la frequenza di esposizione ai tweet e quindi i contatti lordi per ogni programma monitorato, ovvero le impression.“Proprio la possibilità di misurare l’audience dei tweet relativi ai programmi televisivi è il grande elemento di innovazione che offriremo al mercato – ha dichiarato Luca Bordin, General Manager Media Sales & Solutions di Nielsen -.I milioni di messaggi e interazioni tra gli appassionati per condividere gioie, delusioni, commenti e battute durante le 64 partite disputate dimostrano quanto sia ormai rilevante in Italia il fenomeno della Social Tv”.