La tv? Un amore che cambia, ma non tramonta

11 luglio 2014

Presentato lo studio di Tns

Cambiano le abitudini davanti alla tv. Secondo Tns la voglia di televisione rimane, ma i televisori da soli non sono più in grado di soddisfare il nostro desiderio di contenuti. Risultato: cresce l’online media e lo ‘screen-stacking’. In Connected Life, uno studio effettuato dall’istituto di ricerca ascoltando più di 55,000 utenti internet nel mondo, si evidenzia infatti che una metà di coloro che guardano alla sera la tv, si diletta contemporaneamente in altre attività digitali, come social media, controllo dell’email o ricerca di informazioni pre-acquisto online. Inoltre, l’indagine ci dice che, a livello globale, possediamo circa 4 device digitali caduno, dato che sale a 5 fra gli Italiani. La domanda di contenuti in streaming, senza vincoli di tempo e di luogo, poi è stata amplificata durante i Mondiali di Calcio, delle ultime settimane. Gli utenti di ogni parte del mondo vogliono accedere a questo evento sportivo internazionale così importante, attraverso i device disponibili, a casa e fuori casa, magari anche commentando gli accadimenti in tempo reale sulle piattaforme social con i propri amici e conoscenti. Il desiderio di fruire dei nostri programmi televisivi preferiti a tutte le ore del giorno sta anche sostenendo la crescita dell’utilizzo della cosiddetta tv online. Un quarto (25%) degli intervistati a livello globale, guarda video giornalmente su pc, laptop, tablet o smartphone. Dato che sale a un terzo in Italia (33%), Cina e Singapore. Siamo fra i più voraci fruitori di video, insieme ai Russi (44%) in Europa ( 25%) dove troviamo Francia e Uk rispettivamente al 16% e 17%. Eppure, nonostante questa forte crescita di fruizioni online, la televisione tradizionale gioca comunque un ruolo molto importante nelle nostre vite, con tre quarti dei rispondenti (75%) che a livello globale dichiarano di guardarla quotidianamente (in Europa il 77% e in Italia l’82%). Tre telespettatori su quattro (76%) la guardano senza distrazioni, la sera mentre cenano. Commentando i risultati, Gabriella Bergaglio, Digital Practice Lead Tns Italia, ha detto: “In un mondo dove il multi-tasking è ormai la norma, il contesto in cui guardiamo la tv sta rapidamente mutando: non è più solo a casa, sul divano in fruizione esclusiva. Oggi la crescita dello ‘screen-stacking’ da un lato e della tv online dall’altro, è oramai un fatto, una realtà con cui ci dobbiamo confrontare. In Italia, ancor più che in Europa, l’attenzione ai contenuti video online è elevata”.

TAGS