Dentsu Aegis Network e Facebook, insieme per una comunicazione social “che mette al centro le persone”

2 luglio 2014

Ieri l’incontro dal titolo ‘From Social to Personal Mass Media. Technology is making Marketing Personal again’

Dentsu Aegis Network Italia e Facebook Italia si sono riuniti ieri per illustrare alle aziende italiane le opportunità di business attraverso una comunicazione social che mette le persone al centro. L’evento dal titolo ‘From Social to Personal Mass Media. Technology is making Marketing Personal again’ fa parte della serie di incontri dal titolo ‘Food for thought’ con l’obiettivo di far luce sulle nuove esigenze del settore. I relatori hanno illustrato le opportunità e le sfide che si aprono per le brand in ambito social, e di come sia possibile estrarre valore da un investimento su Facebook, mettendo le persone al centro e garantendo una comunicazione rilevante attraverso targetizzazione e ottimizzazione nel processo di acquisto degli spazi pubblicitari. Giulio Malegori, President and Ceo Italy & Ceo Southern Europe di Dentsu Aegis Network ha dichiarato: ”Cogliere l’opportunità derivante da profilazione e analisi dei comportamenti individuali richiede il coinvolgimento di nuove specializzazioni e di diverse funzioni aziendali. Anticipando il mercato abbiamo creato una unit di dodici persone che ha il compito di prototipare il futuro attraverso l’analisi dei dati”. Luca Colombo, Country Manager di Facebook Italia ha aggiunto: “In un mercato in continua evoluzione il canale mobile sta crescendo in modo significativo e la nostra piattaforma ha risposto prontamente: 14 milioni di italiani accedono ogni giorno oggi a Facebook da smartphone e tablet”. Tramite un’analisi condotta con CCS (Consumer Connection System), la single source proprietaria del gruppo Dentsu Aegis Network, emerge come comportamenti mediali evoluti – quali l’utilizzo del cross-device o il double screen – siano più diffusi tra i membri attivi del social network rispetto alla popolazione italiana. Nell’era delle tracce sociali è necessario dotarsi di tecnologia di classificazione per integrare la ricchezza dei social data con informazioni disponibili nei sistemi di rilevazione (CRM) aziendali e con i comportamenti rilevati attraverso il monitoraggio dell’advertising. L’obiettivo è ampliare la conoscenza del consumatore, comprendere la modalità di relazione con i touch-point, per anticipare bisogni e desideri da soddisfare con messaggi e offerte personalizzate.