Con Sky e Grey United l’Italia guarda avanti

25 giugno 2014

Su stampa la campagna corporate

Grey United, l’agenzia guidata da Pino Rozzi e Roberto Battaglia, firma la nuova campagna Sky. Si tratta di una comunicazione stampa corporate multisoggetto che vuole raccontare come, anche grazie all’impegno e alla costante voglia di mettersi in gioco del network satellitare, siano cambiate tante cose nel nostro Paese negli ultimi 11 anni, quelli che sono trascorsi da quando Sky è in Italia. Ognuno dei differenti soggetti in cui è articolata la campagna stampa tocca un tema differente, da quello dell’innovazione tecnologica a quello dell’occupazione giovanile, dall’informazione allo sport. Un impegno che Sky sintetizza con dei numeri importanti: dal 2003 ha investito circa 16 miliardi di euro in Italia, ha occupato oltre 5500 dipendenti e collaboratori, oltre ad alimentare un indotto di più di 13500 persone; nel campo della tecnologia è stato investito oltre 1 miliardo di euro, portando agli italiani novità assolute come My Sky, Sky Go, Sky On Demand, la Digital Key e 60 canali in HD; con Sky TG24 è stato inoltre creato il primo canale del Paese all news di informazione 24 ore su 24, e Sky Sport, dedicato 24 ore su 24 all’informazione sportiva. Sono stati trasmessi in diretta e in HD i più grandi eventi sportivi e si è tornati a produrre film e serie tv originali capaci di un successo che è andato ben oltre i confini nazionali, come Gomorra, venduta in 50 Paesi in tutto il mondo. Sì, forse l’Italia un po’ è cambiata, come ci ricordano i vari soggetti della campagna, e con queste premesse oggi può guardare avanti con ancora più fiducia. La campagna multisoggetto è pianificata sui maggiori quotidiani nazionali. Sotto la direzione creativa esecutiva di Pino Rozzi e Roberto Battaglia hanno lavorato Luca Beato, Mario Esposito, Massimo Verrone e Nicola Bolfelli. Marta Di Girolamo è la client director.