A+E Networks Italy, un road show nei centri media per presentare Crime+Investigation

27 maggio 2014

Intervista alla general manager Sherin Salvetti: “Sì allo Smart Panel di Sky”. Tra gli obiettivi futuri quello di portare in Italia altri brand del broadcaster Usa. Completata la squadra di vertice con Ronca, Giacomi e D’Amelio Bonelli. Campagna adv per il lancio di World Wars dal 3 luglio su History

 

 

Non capita spesso di organizzare un blitz di prima mattina in sette centri media per promuovere un canale televisivo, ma è stata questa la strada scelta da A+E Networks Italy che la scorsa settimana ha attivato un road show a Milano il 20 maggio e a Roma il 22, per presentare Crime+Investigation al mercato. Il broadcaster, prima filiale europea della media company statunitense A+E Networks, è sbarcato nel nostro Paese qualche mese fa con i canali di proprietà History e Crime+Investigation, in esclusiva su Sky.

“Abbiamo letteralmente ‘requisito’ e fotografato 800 media planner. Un’azione di guerrilla marketing, attivata insieme alla concessionaria dei nostri canali Sky Pubblicità, che ha ottenuto gradimento e partecipazione elevati e un considerevole engagement – ha raccontato a Today Pubblicità Italia Sherin Salvetti (nella foto), general manager di A+E Networks Italy -. I media planner sono stati coinvolti nel concorso ‘Facce da criminale’ che metterà in palio un weekend nella Londra dei delitti. Il giovane canale, Crime+Investigation, approdato lo scorso 16 dicembre, ha avuto da subito un successo di ascolti e di raccolta pubblicitaria: un canale, accettato bene dal mercato, che non ha dovuto ‘sgomitare’ per farsi conoscere grazie a un posizionamento preciso che ha portato il real crime in Italia”.

Pensato per un pubblico femminile ampio, dai 25 ai 54 anni, di alto livello sia culturale sia socio-economico, “è al secondo posto, dopo Top Crime, nella classifica della permanenza sul canale e quindi si difende anche nel day time – ha precisato Salvetti -. Mentre History, più maschile, si è aperto anche alla famiglia giovane, attiva e contemporanea”. Mantenendo il riserbo su alcune prossime produzioni italiane, la manager ha annunciato tra le novità imminenti il ritorno su Crime+Investigation, domenica 8 giugno alle 22,50, di Giovani a rischio, il programma che segue il percorso di recupero di adolescenti, con 10 nuove puntate condotte da Luisella Costamagna. History darà invece ampia eco all’anniversario dello scoppio della Prima Guerra Mondiale con la produzione internazionale World Wars: sei puntate da giovedì 3 luglio alle ore 21,00. Dal 1914 al 1945 sono i 30 anni che hanno cambiato la storia letti in una chiave diversa che vede i due conflitti come un’unica guerra: una grande ricostruzione che si avvale anche di commenti storici come quello di Mario Ronchi.

“Per il lancio di World Wars stiamo realizzando una campagna di marketing importante, che sarà declinata su mezzi affini al nostro pubblico – ha precisato Salvetti -. Sono previsti spot tv nei tagli da 60”, 30” e 15”, un radio comunicato, annunci per il web e per la stampa. Sui social saremo presenti con ‘Italia Memories’, l’iniziativa che chiede agli user di raccogliere testimonianze di famiglia su quegli anni”. La creatività è gestita dal reparto creativo del canale, che si dedica agli adattamenti delle comunicazioni internazionali e alle azioni più locali; la pianificazione è affidata a Mindshare.

A breve sarà completato anche il team di vertice che affiancherà Salvetti in prima linea con Jan Ronca, Director Programming and Production, Gianpaolo Giacomi, Director Finance e dall’1 giugno Simone D’Amelio Bonelli, Director Marketing.

“Sono contenta perché l’apertura in Italia ha creato nuove opportunità di lavoro per giovani professionisti della televisione. La filiale italiana potrà contare su 25 persone: una squadra ideale per poter raggiungere obiettivi ambiziosi – ha precisato Salvetti -: prima di tutto portare in Italia altri brand di A+E Networks, forti del bouquet di canali che lavorano su target diversi e sui relativi contenuti. Per esempio per il pubblico femminile, fascia che interessa molto gli investitori, abbiamo al nostro arco Lifetime, al vertice delle classifiche negli Usa e anche in Uk dove è stato recentemente lanciato, mentre per il pubblico più maschile una grande opportunità è offerta da H2 che raccoglie l’heritage divulgativo e informazione di History, senza dimenticare A&E, il canale di intrattenimento factual al top negli ascolti in Usa”.

Relativamente all’introduzione di Smart Panel da parte di Sky, Salvetti ha commentato: “Sky ha rappresentato da sempre innovazione in Italia, ha fatto nascere una televisione che non si era mai vista prima e l’ha portata al successo, implementando tecnologie e diverse modalità di fruizione. Pensare a uno strumento congeniale a misurare questa nuova tv, da affiancare all’Auditel che è nato per la tv come era prima, secondo noi ha molto senso”.

 

Valeria Zonca