Il Friuli Venezia Giulia ‘veste’ l’airbus A319 Alitalia

23 aprile 2014

La personalizzazione dell’aereo di Alitalia targato Friuli Venezia Giulia è stata realizzata dall’agenzia di comunicazione integrata Emporio Adv, con base a Milano e a Udine. Grazie a uno staff di sette persone il reparto creativo della società guidata da Enrico Accettola ha presentato diverse soluzioni, fra le quali poi Alitalia e Turismo FVG hanno scelto il look definitivo: uno stormo di colibrì in volo, con i colori bianco e nero a dividersi lo spazio e a colorare l’aeromobile. L’obiettivo era fornire un’immagine coinvolgente e d’impatto che richiamasse il segreto del Friuli Venezia Giulia, portandolo in giro per il mondo. L’Airbus A319 con la speciale livrea dedicata al territorio fa del FVG la prima regione d’Italia a veicolare la propria immagine su un aereo della compagnia e riporta Alitalia a utilizzare la sua flotta, dopo oltre quindici anni, quale veicolo di comunicazione e promozione. I colibrì saranno per un anno gli ambasciatori del Friuli Venezia Giulia sulle rotte per Italia, Europa e Nord Africa. Il colibrì è simbolo di un progetto di cui la regione può vantare l’unicità: un centro di ricerca, che porta il nome di Margherita Hack, dedicato alla salvaguardia di questo piccolo animale. Hanno lavorato al progetto i creativi Marco Finoia, Riccardo Casarotto, Marco Schiavi, Tiziana D’Izzia, Gabriele Pastorutti e Marco Scapin, coordinati da Sara Puntel, responsabile dei rapporti con Turismo FVG.