Expo 2015: al Padiglione Italia si gusta Lavazza

17 aprile 2014

Il Gruppo proiettato sui mercati internazionali. Budget 2014 a 25 mln (8 mln per l’estero)

Sarà Lavazza il caffè ufficiale di Padiglione Italia, in occasione di Expo 2015. Stile, gusto, passione e soprattutto italianità: questi i valori che l’azienda offrirà ai visitatori della manifestazione meneghina.  L’annuncio è stato dato ieri durante un evento – organizzato da The Next Event (nuova business unit nata all’interno di Next) – al trentunesimo piano del Grattacielo Pirelli che ha avuto per protagonisti i vertici aziendali, la presidente di Expo 2015, Diana Bracco, il direttore marketing e commerciale di Padiglione Italia, Marina Geri, e l’architetto e designer Fabio Novembre che ha ‘visualizzato’ la presenza del brand firmando il concept creativo del progetto.

“Siamo orgogliosi di essere stati scelti – ha dichiarato  Marco Lavazza, vicepresidente del Gruppo -. L’occasione è ancora più importante se si tiene conto che nel 2015 Lavazza festeggerà i suoi 120 anni. Oggi siamo una realtà che esporta in 90 Paesi un prodotto che è emblema di italianità. Un processo di internazionalizzazione, iniziato nel 1982 in Francia, e che intendiamo portare avanti senza mai venir meno a quella ricerca ossessiva di qualità che caratterizza da sempre il nostro lavoro”.

Cuore della Lavazza Coffee Experience all’interno di Padiglione Italia sarà la tazzina Lavazza. L’aroma del caffè abbraccerà i visitatori in un vortice olfattivo dove parole e immagini sui led si trasformano nella firma Lavazza. Una spirale informativa e di supporto che permetterà ai visitatori di fruire lo spazio in modo sempre nuovo. “La tazzina è la punta di compasso  – ha spiegato Fabio Novembre -. Uno sprazzo di indidualità in un rito collettivo”. All’interno dello spazio Lavazza saranno trasmessi contenuti e valori educativi legati alla filiera, alla qualità e alla sostenibilità al fine di valorizzare e amplificare il Sistema Italia attraverso la collaborazione con fornitori di prodotti di eccellenza e partnership consolidate, come quella che lega Lavazza a Slow Food dal 1996. Protagonista sarà Lavazza ¡Tierra! Intenso, il prodotto 100% da coltivazione sostenibile nato nel 2002 dal primo progetto di Responsabilità Sociale di Impresa interamente realizzato dal Gruppo.

A margine della conferenza c’è stato il tempo per fare il punto sulle attività di comunicazione dell’azienda, sempre più proiettata sui mercati internazionali. “Per quest’anno gli investimenti saranno in linea con quelli del 2013, attestandosi sui 17 milioni in Italia, mentre circa 8 milioni saranno destinati ai mercati esteri (alla fine dello scorso anno l’azienda ha esordito in Nord America con una campagna firmata da Alberto Baccari e dedicata alla nuova gamma filtro, ndr)”, ha detto il direttore Corporate Image, Francesca Lavazza. “Nel 2015 non celebreremo solo i 120 anni dell’azienda – ha ricordato la manager -, ma anche i 20 anni della campagna Paradiso. Questi saranno due temi importanti della nostra comunicazione”. Consolidati i partner, Armando Testa per la creatività e Mec per il media, che affiancano l’azienda nei suoi piani di crescita. Fra le campagna al via quella del nuovo sistema a cialde di Lavazza a Modo Mio, Minù. “Sarà promosso da una doppia affissione a Torino e Milano – ha precisato – e a maggio sarà su web e stampa”. Guardando fuori dai confini prosegue la partnership culturale con il Guggenheim di New York, mentre a maggio sul sito web americano sarà pubblicato un video istituzionale che ripercorrerà la storia dell’azienda italiana e che avrà come voce narrante proprio quella di Francesca Lavazza.

Andrea Crocioni