Con DPS Group Fnac diventa Trony. A maggio la campagna ‘Mondiali’ firmata Kettydo

15 aprile 2014

Cambio di insegna per i negozi Fnac in Italia, recentemente acquisiti da DPS Group, socio del Gruppo GRE-Trony, fra le principali realtà del nostro Paese nella commercializzazione di prodotti di elettronica di consumo. Addio al marchio francese, dunque, che si converte in Trony.  Iniziata a Genova, la riconversione ora toccherà i punti vendita di Milano, Verona e Napoli. Ancora in sospeso il destino del quinto negozio, a Torino, per vicende legate all’affitto degli spazi. Un ruolo strategico è affidato al flagship store di Milano in via Torino che, in seguito ai lavori di ristrutturazione interna, aprirà i battenti con il nuovo marchio il prossimo 14 maggio, con il restyling del piano strada. Sarà poi la volta, il 22 maggio, degli altri due negozi interessati, sempre per i piani strada. Il termine dei lavori di ristrutturazione è previsto entro l’estate 2014, per un investimento totale, comprese le spese di rilancio, che supererà i 3 milioni di euro. “Veniamo da un 2013 eccezionale che ci ha visto acquisire i punti vendita Darty in Italia e complerarne l’integrazione in Trony – ha dichiarato Yves Di Benedetto (nella foto), ad di DPS Group -. Ora affrontiamo questa nuova sfida, convinti che il fenomeno di concentrazione che sta attraversando il mercato dell’elettronica di consumo oggi se da un lato elimina player storici, dall’altro rafforza chi è in grado di attuare cambiamenti coraggiosi. Per essere competitivi sul mercato serve avere una massa critica rilevante e noi ci stiamo muovendo in questa direzione”. Nei piani i negozi ex Fnac rappresenteranno boutique cittadine dove trovare i migliori marchi hi-tech, una selezione di brand negli shop in shop e momenti di approfondimento culturale e intrattenimento musicale. “Avranno un portafoglio prodotti studiato ad hoc e conserveranno l’area del ticketing”, ha aggiunto il manager. L’acquisizione di nuovi punti vendita si inserisce nel processo di razionalizzazione della rete di negozi, avviata da qualche tempo da DPS. “Abbiamo già chiuso 10 punti vendita poco performanti e ne chiuderemo altri due nei prossimi mesi passando dai 66 negozi di fine dicembre ai 54 di fine giugno – ha precisato Di Benedetto -. Per contro investiremo su city center e shopping center”. Nel 2013 i ricavi totali del gruppo DPS si sono attestati sui 232 milioni di euro in crescita del 40% rispetto al 2012, proprio per effetto delle due importanti acquisizioni. “Nel 2014 – ha dichiarato il responsabile marketing di DPS, Lorenzo Dolci – investiremo in comunicazione 6 milioni di euro, un cifra in linea con il budget dello scorso anno,ma a questi si aggiungeranno circa 1,2 milioni di euro dedicati alla comunicazione del nuovo corso dei negozi Fnac”. Si parte il 14 maggio con la campagna sulla nuova configurazione del negozio di Milano, mentre il 22 maggio tocca agli altri punti vendita. Qui la comunicazione si aggancia alla campagna (online, tv e radio) promossa da  GRE-Trony a livello nazionale e dedicata ai Mondiali di calcio che sarà realizzata dall’agenzia Kettydo e pianificata da Carat. “Come DPS, invece, gestiremo direttamente stampa, volantini, web e loyalty. I nostri partner sono Altavia per la creatività, Imille per i social, mentre il centro media è Omd”.

Andrea Crocioni