A marzo oltre 12 milioni di utenti per i siti Condé Nast. Guida le performance Vanity Fair

2 aprile 2014

CNLive! registra 5 milioni di video views

Il network dei siti Condé Nast nel mese di marzo segna il record assoluto con una audience complessiva di oltre 12 milioni di utenti censuari, una social audience di oltre 4 milioni di fan e followers e il nuovo video digital brand CNLive! dedicata al mondo dell’entertainment e lifestyle di qualità, lanciata solo il 18 marzo. Infatti a contribuire al nuovo record anche la nuova digital video platform www.cnlive.it che ha già sviluppato quasi 5 milioni di video views. “Questo nuovo record che raggiungiamo subito a inizio anno premia i nostri brand e rafforza la nostra strategia di infonderli in proposizioni digitali outstanding che non hanno eguali sul mercato. E il 2014 è appena iniziato per noi e CNLive!, che ha appena cominciato la sua corsa, è solo il primo della nostra nuova generazione di prodotti digitali” così Marco Formento (nella foto), Senior Vice President Digital Condé Nast. Guida le performance Vanity Fair, che mantiene la sua posizione di leadership con quasi 6 milioni di utenti unici censuari che ogni mese si collegano al sito per conoscere tutte le novità sulle celebrities, i red carpet, la moda e il beauty, risultato raggiunto grazie soprattutto alla copertura della notte degli Oscar e alle celebrazioni per la vittoria de La Grande Bellezza. Grande successo anche per le iniziative social del direttore Luca Dini che ha animato l’audience: con l’hashtag #twintervista ha dialogato con il neo Premier Matteo Renzi e l’icona della tv Raffaella Carrà al suo debutto su Twitter. Anche Wired.it consolida il gradimento del nuovo sito che chiude con oltre 3 milioni di utenti unici censuari, raccontando con i suoi live coverage esclusivi gli eventi più rilevanti e significativi del panorama tech come l’SXSW 2014; mentre Vogue.it, con i suoi 2 milioni di utenti unici censuari, si conferma il punto di riferimento digitale delle tendenze fashion e non solo. Completano il perimetro delle property Condé Nast i siti di Glamour, GQ e La Cucina Italiana, ciascuno con un’importante presenza sul target di riferimento.