Vitasnella, al via la prima campagna firmata Saatchi & Saatchi con 4,5 milioni di budget

28 marzo 2014

Dopo il cambio di registro di comunicazione dello scorso anno verso il mondo dello sport, Vitasnella, brand del gruppo Ferrarelle, decide per il 2014 di tornare all’origine: “Ci concentriamo sul target delle donne che vogliono sentirsi in forma – spiega Michele Pontecorvo, responsabile comunicazione corporate e CSR di Ferrarelle – ma in modo coinvolgente, non didascalico. Si tratta di un target potenziale di 16 milioni di donne, di cui attualmente ne raggiungiamo 3,5 milioni”. L’azienda ha assegnato un mese  fa l’incarico per Vitasnella e Boario a Saatchi & Saatchi e il frutto di questa nuova partnership sarà in onda domenica in tagli da 30” e 15”, a firma di Paola Rolli (client creative director copywriter) e Paolo Montanari (client creative director art) con Agostino Toscana (executive creative director) e Alessandro Orlandi (creative director), che spiega: “Siamo partiti dallo storico payoff ‘L’acqua che elimina l’acqua’ che è un valore oggettivo, per trasformarlo in un beneficio soggettivo. Abbiamo quindi raccontato una storia di donne di diverse età e costituzione, che grazie a Vitasnella si piacciono”. Il claim recita ‘Essere in forma significa essere se stessi al meglio’. On air per tre settimane e poi con altri flight fino all’estate, lo spot è diretto da  Karina Taira per la casa di produzione The Family; la colonna sonora, ‘La plus belle du monde’, è stata creata da Francesco Vitaloni (Sing Sing). Pianificata da Vizeum con un budget di 4,5 milioni di euro su reti generaliste, satellitari e digitali, la campagna prevede una declinazione su stampa e web. In particolare, la parte digital è stata affidata ad Ambito5, agenzia che si è aggiudicata l’incarico per tutti i brand del gruppo, mentre è ancora in corso la finale tra la stessa S&S e l’uscente Havas Worldwide Milano per la creatività Ferrarelle, brand che quest’anno tornerà in tv con la campagna con testimonial Alessandro Gassman e su affissione e stampa con iniziative ad hoc. Dopo due anni di campagna nazionale, il brand Boario sarà invece nel 2014 impegnato solo in comunicazione locale, in Lombardia, in particolare nelle province di Brescia e Milano.

Laura Buraschi