Repubblica rinnovata in edicola dal 27 marzo

25 marzo 2014

Massimo Ghedini (A. Manzoni&C): “Extra raccolta per i primi tre giorni”

 

“Un giornale più facile, più chiaro, più leggibile”. Così il direttore Ezio Mauro, in un video pubblicato sul sito di Repubblica (http://www.repubblica.it/lanuovarepubblica/?ref=fbpr) annuncia il restyling del quotidiano del Gruppo Espresso, in edicola rinnovato da giovedì 27 marzo. “Repubblica cambia – sottolinea un comunicato dell’editore – perché cambia il mondo intorno a noi. Ancora una volta, prima di compiere 40 anni, il giornale  si rinnova.  Un cambiamento con un forte segno grafico, cui si accompagnano novità di sostanza. Come sempre a Repubblica la grafica non è elemento estetico soltanto, ma strumento giornalistico vero e proprio”.  Il cambiamento, spiega ancora la nota è concettuale e il giornale prende atto davvero della sua doppia declinazione, su carta e sul sito. Potendo contare sul più alto numero di  lettori su carta (3 milioni al giorno certificati audipress)  e web (più di due milioni e mezzo di utenti unici giornalieri per  repubblica.it), Repubblica (diffusione media 311406; diffusione cartacea + digitale 369308 Ads Gennaio 2014), da giovedì punta a diversificare radicalmente l’informazione.  Il quotidiano ridurrà notevolmente le notizie che fanno parte  del ‘paniere comune’ della giornata, e che campeggiano sui siti magari già dal mattino, per aprire le sue pagine ai servizi  speciali, inchieste, reportage, grandi interviste, analisi, commenti. Anche per quanto riguarda la politica: Repubblica, infatti, abolisce la ‘nota  politica’, ‘pastone’ nato negli anni Sessanta e sopravvissuto  fino ad oggi, dove si accumulano le notizie che provengono dai  partiti. La politica, così si trasforma in fatto, in immagini concrete, senza  più distinzioni tra scena e retroscena. La nuova grafica sarà conseguente a questa trasformazione,  dando forma e sostanza alle novità. Un giornale ‘scelto’, meno obbligato dal notiziario di giornata.  “Il restyling comporta un cambiamento di concept editoriale e di grafica – ha dichiarato a Today Pubblicità Italia Massimo Ghedini (nella foto), amministratore delegato di  A. Manzoni&C. -, manteniamo l’impianto pubblicitario consueto”. Il restyling ha però già avuto un forte impatto sulle vendite: “Abbiamo fatto un’extra raccolta per i primi 3 giorni (26, 27 e 28 marzo). Tra gli inserzionisti figurano i nomi di Enel,  Unicredit,  Intesa Sanpaolo, Conad, Rolex, Fiat e Finmeccanica”. Il quotidiano diviene luogo di approfondimento, mentre al web è affidato il compito di dare notizie veloci in real time: “Il digitale è l’integrazione perfetta di tutto il sistema. C’è un rafforzamento reciproco tra carta e web, le brand giornalistiche hanno avuto un grandissimo abbrivio. Negli ultimi 4 anni le persone hanno avuto la possibilità di fruire di informazioni in mobilità e questo ha permesso a importanti brand giornalistici come La Repubblica un aumento di uso del 30%”.