Class Editori, ricavi a -4,9%, in calo diffusioni e raccolta adv, che cresce sul web (+13,4%)

21 marzo 2014

Il Cda approva il progetto di bilancio 2013

Il Consiglio d’amministrazione di Class Editori ha approvato venerdì 21 marzo il bilancio consolidato e della capogruppo al 31 dicembre 2013. I ricavi ammontano a 84,0 milioni di euro rispetto agli 88,3 milioni del corrispondente periodo del 2012  (-4,9%).

La riduzione è dovuta alla grave recessione che ha inciso particolarmente sui ricavi pubblicitari e in parte su quelli diffusionali. I costi operativi sono passati da 104,9 milioni di euro a 97,5 milioni di euro, con una riduzione del 7%. Il margine operativo lordo (Ebitda) è negativo per 13,5 milioni di euro contro i -16,5 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno precedente, con un miglioramento di circa il 18%. La posizione finanziaria netta presenta un indebitamento netto pari a 65,6 milioni di euro (42,7 milioni al 31 dicembre 2012). Il bilancio della capogruppo chiude con un risultato netto dopo le imposte negativo per 23,7 euro, contro una perdita netta conseguita nel precedente esercizio pari a 13,9 milioni di euro.

La raccolta pubblicitaria sui mezzi della casa editrice ha avuto nel suo complesso un andamento meno negativo  rispetto al mercato, con una riduzione, a perimetro omogeneo di consolidamento, dell’8,3%. Per i periodici -16,4%, i quotidiani -8,4%, la tv -2,7%. La raccolta internet è cresciuta del 13,4%. Le diffusioni medie di Milano Finanza, Class e Capital hanno subito cali significativi, con una conseguente riduzione dei costi di produzione. Alla fine del quarto trimestre del 2013 il traffico sui siti web della casa editrice ha segnato un ulteriore balzo, raggiungendo a dicembre 2013 988 mila utenti unici mensili, con una crescita del 95,6% su base annua. In crescita anche gli utenti unici su base giornaliera, passati a dicembre 2013 a 84 mila contro i 76 mila del dicembre 2012 (+11,3%).

I lettori possono inoltre seguire in tempo reale le notizie sul proprio smartphone attraverso il sito mobile di Milano Finanza, consultabile da ogni piattaforma operativa, mentre il numero di lettori che seguono in tempo reale le notizie del sito attraverso Twitter ha superato le 75 mila unità per MF/Milano Finanza e oltre 19 mila per Italia Oggi. La casa editrice sta inoltre completando il rinnovamento dell’intera infrastruttura tecnologica, che sarà concluso entro il primo semestre dell’esercizio 2014, che permetterà di fare leva sui media digitali per incrementare la flessibilità di erogazione dei contenuti, in modo particolare sui dispositivi mobili.