Gli Enfants Terribles conquistano Tezenis. L’agenzia pronta al cambio di passo

20 marzo 2014

La struttura rafforza lo spirito internazionale. Arriva l’incarico social mondiale di illy issimo

Tezenis sceglie la creatività di Enfants Terribles. L’agenzia guidata da Valerio Franco, Mizio Ratti Riccardo Quartesan  (insieme nella foto) si è imposta in una consultazione a cinque. A quanto risulta a Today Pubblicità Italia, al pitch, fra le altre, avrebbero partecipato Saatch&Saatchi e White Red & Green. Per il noto brand di intimo il team dell’agenzia realizzerà uno spot destinato non solo all’Italia, ma anche ad altri mercati europei. L’arrivo di Tezenis conferma un inizio anno brillante per l’agenzia, suggellato anche dall’incarico ottenuto dalla divisione digital ebolaindustries per la gestione mondiale della comunicazione in ambito social di illy issimo, linea di bevande nata dalla collaborazione fra illy e The Coca-Cola Company.

“Questi due budget –  dichiara Valerio Franco, partner e Strategic Director di Enfants Terribles – confermano l’evoluzione in atto nell’agenzia. Sono segno di un consolidamento che sta portandoci a diventare una media indipendente caratterizzata da un forte respiro internazionale. Una maturazione creativa e di approccio, favorita dal rapporto costruito in questi anni con una multinazionale come Procter & Gamble, che ci ha coinvolto su diversi marchi”. I numeri parlano chiaro. Per Enfants Terribles il 2013 è il quinto anno consecutivo di crescita, il fatturato ha superato 1,5 milioni di euro, registrando un incremento fra il 15 e il 20%. Oltre al new business, è importante anche il capitolo delle conferme. Su questo fronte va segnalata la vittoria nella consultazione indetta da Deutsche Bank.

“ET nasce nel 1996 e fin da allora è indipendente – dice Mizio Ratti, partner e direttore creativo -, non saremmo sopravvissuti sul mercato per così tanto tempo, e senza aiuti dai network, se non fossimo stati bravi ad acquisire clienti attraverso gare. Ma il bilancio 2013/2014 è stato al di sopra delle  migliori aspettative: parliamo di una percentuale di successi ampiamente superiore al 75%.  Rispetto agli esordi  di gare ne facciamo meno, ma ne vinciamo di più. Ne facciamo meno perché abbiamo imparato che è più importante tenere i clienti che si hanno, curarli bene e crescere insieme. Ne vinciamo di più perché abbiamo imparato a essere molto efficaci, a mettere la creatività sempre al servizio del brand. Cioè, ci piace moltissimo la creatività, ma questa non deve essere mai fine a se stessa o esclusivamente autogratificante per l’agenzia. Un esempio: quando nella gara Tenderly dell’anno scorso abbiamo presentato la nostra proposta, sapevamo che non avrebbe vinto premi ma eravamo certi che avrebbe venduto moltissimo”.

Enfants Terribles è stata protagonista di una crescita che ha finito con imporre al management dell’agenzia una riflessione sul futuro. “Abbiamo ottenuto ottimi risultati – osserva Valerio Franco -, ma se restiamo fermi corriamo il rischio che questa crescita si arresti. Serve un salto di qualità. Da sempre crediamo nel principio dell’adattamento evolutivo e nell’importanza di anticipare i tempi. E’ naturale cominciare a pensare da un lato a uno sviluppo internazionale, dall’altro all’ampliamento del business nelle aree più innovative del digitale. Processi che vanno a toccare la cultura stessa dell’agenzia e devono essere accompagnati da un grande lavoro di formazione delle persone. I clienti sempre più spesso richiedono l’intervento di professionisti multi skills. Le aziende ci riconoscono un alto valore aggiunto in termini di know how. Un patrimonio che nel tempo si preserva solo se non si trascura una tematica fondamentale come l’aggiornamento continuo del proprio gruppo di lavoro”.

Andrea Crocioni