Al via la campagna ‘social’ per la promozione del sughero. Carlo Cracco testimonial

12 marzo 2014

Riciclabile, ecosostenibile e alleato del gusto. ‘Io sto col sughero’ è il claim della nuova campagna internazionale di promozione del sughero che è ripartita ieri in Italia e in altri sei Paesi europei ed extraeuropei. Sostenuta e finanziata da Apcor (Associazione portoghese dei produttori di sughero), da Assoimballaggi/Federlegnoarredo e Rilegno, insieme alle aziende produttrici Amorim Cork Italia, Sugherificio Ganau, Sugherificio Molinas e Mureddu Sugheri, la campagna ha come testimonial per l’Italia lo chef Carlo Cracco, che animerà i canali social su cui è veicolata esclusivamente la nuova comunicazione: la pagina Facebook, il profilo Twitter e il canale Youtube. Dopo aver sottolineato, nel 2010, l’importanza del sughero e delle sue caratteristiche a favore del gusto, dello charme e dell’ambiente, la campagna prosegue infatti con un progetto più dinamico e social che ha l’obiettivo di coinvolgere e chiamare all’azione un pubblico più ampio, con un focus specifico su un target giovane. Completa l’operazione il sito www.ilsughero.org, rinnovato nella grafica, che proporrà periodicamente delle campagne collegate a Facebook invitando gli utenti a far sentire la propria voce nel sostenere i valori associati al sughero e al tappo in sughero.

La campagna, del valore di 500.000 euro per la durata di un anno, si inserisce in un più ampio investimento di 7,3 milioni a livello internazionale. L’agenzia di relazioni pubbliche Noesis, presieduta da Martin Slater, ha coordinato la campagna italiana, mentre il regista Marco Salom ha diretto i video con protagonista Carlo Cracco che avranno una diffusione virale sul web e sui social. “Il sughero, prezioso patrimonio in termini culturali, ambientali ed economici, è sinonimo di eccellenza”, ha dichiarato Cracco, che ieri ha ospitato l’evento di presentazione nel suo nuovo ristorante milanese di via Meda 24, ‘da Carlo e Camilla in segheria’. “Nella mia professione, da sempre ricerco il massimo della qualità ed è proprio per questo che ho scelto di sostenere il sughero e di rivestirne il ruolo di ambasciatore per l’Italia”. Partner dell’iniziativa Slow Food, che aveva già partecipato alla precedente edizione confermando così la condivisione di valori come la tutela e la valorizzazione delle tradizioni enogastronomiche del nostro Paese, uniti al rispetto per la natura e l’ambiente. Il sughero infatti è l’alleato chiave del vino, capace di preservarlo con le sue migliori caratteristiche nel tempo.

“Il bacino del Mediterraneo è coperto da circa 2,2 milioni di ettari di foreste da sughero, di cui circa 225.000 si trovano in Italia, per il 90% in Sardegna”, ha sottolineato Mauro Ganau, consigliere incaricato del Gruppo Sughero di Assoimballaggi/Federlegnoarredo. “Le industrie del settore sugheriero sono oggi molto impegnate a migliorare gli aspetti qualitativi del prodotto attraverso studi effettuati nei propri laboratori di controllo qualità e in collaborazione con istituti di ricerca esterni e università. Inoltre, le unità produttive si sono evolute introducendo tecnologie e impianti sempre più innovativi, nel rispetto delle caratteristiche tradizionali della lavorazione del sughero”. L’Italia, al terzo posto tra i produttori mondiali, con 170.000 quintali di sughero prodotti all’anno, realizza circa un 1.500.000.000 di tappi di sughero. L’industria del vino è il miglior cliente dell’industria del sughero e assorbe il 70% della sua produzione. La rimanente parte si suddivide per il 16% nel settore della bio-edilizia, per il 9% nel settore calzaturiero, per il 3%  nel settore dell’artigianato.

Con un fatturato annuo di circa 200 milioni di euro, il comparto dà lavoro a oltre 4.000 addetti. Le sugherete, infine, assorbono ogni anno più di 14 milioni di tonnellate di CO2 e hanno un ruolo fondamentale per la lotta al depauperamento e alla desertificazione a favore dello sviluppo sostenibile.

Per maggiori informazioni, visitare il sito www.ilsughero.org; la pagina https://www.facebook.com/IoStoColSughero; il profilo Twitter https://twitter.com/IoStoColSughero; il canale Youtube http://www.youtube.com/IostocolSughero.