Eletto il nuovo Consiglio Direttivo di IAB Italia. Il saluto di Simona Zanette

21 febbraio 2014

Ieri mattina a Milano, l’Assemblea di IAB Italia ha scelto i componenti del Consiglio Direttivo, che rimarrà in carica fino al 2016. Suddivisi i soci in cinque categorie, ciascuna delle quali elegge i propri rappresentanti, i presenti hanno visto emergere dalle urne i nomi di Virginia Pallavicini di Nielsen per la categoria Service; Stefano Portu di DoveConviene e Michele Marzan di Zanox per Offerta Small; Raffaele Cirullo di Enel e Roberto Silva Coronel di Performedia per Domanda Small. Gabriele Mirra di Italiaonline e Paolo Portioli di Seat PG (per la categoria Offerta Big); così come Carlo Noseda di M&C Saatchi e Aldo Agostinelli di Sky (per Domanda Big) sono stati e eletti “d’ufficio” in quanto unici candidati per le due coppie di poltrone disponibili. Il consiglio direttivo, rinnovato quasi totalmente (unica conferma Marzan) si riunirà per la prima volta il prossimo 25 febbraio per eleggere il nuovo presidente, il vice presidente e il tesoriere.

Nel corso dell’assemblea annuale che ha preceduto l’elezione, approvato del bilancio – tornato in attivo per la prima volta dal 2008 – il presidente uscente Simona Zanette (nella foto) ha ricordato alcuni dei fronti ‘caldi’ su cui IAB Italia è impegnato, quali le modalità attuative degli emendamenti introdotti nella cosiddetta Web Tax (tracciabilità dei pagamenti per gli acquisti digitali e obbligo di partita Iva) e la definizione di una normativa nazionale in termini di privacy ‘digitale’. Al riguardo è in programma il 28 febbraio un incontro con  AGCom.

Zanette ha anche dichiarato che la decisione di non candidarsi è stata motivata ragioni aziendali: “Nel 2014 AlFemminile.com (di cui la stessa Zanette è Country Manager e AD, ndr) sarà oggetto di un piano importante di sviluppo, e dall’HQ mi è stato richiesto di concentrarmi totalmente su questo impegnativo progetto”. A latere dell’assemblea, Simona Zanette ha poi fornito maggiori dettagli: “Oltre a una notevole espansione del sito esistente, abbiamo in previsione il lancio di una nuova iniziativa in ambito food. Procederemo inoltre a una parziale internalizzazione della rete di vendita, per ora limitata ai progetti speciali, che rappresentano circa il 20% dei nostre ricavi. Sulla base dei risultati di questa decisione, valuteremo i passi ulteriori”. “Nel 2013”, ha concluso Zanette, “la raccolta ha superato i 5 milioni, in crescita dell’8% sull’anno precedente. Quest’anno, anche grazie alle novità in programma, contiamo di crescere ancora”.

Andrea Crocioni