Focus, successo per il restyling e raccolta in positivo. Entro l’estate online il sito rinnovato

17 febbraio 2014

Presentato il Premio Innovazione. Partner SisalPay, IBM, Discovery Italia e Kia

Il mensile Focus, edito da Gruner+Jahr/Mondadori, organizza per il terzo anno consecutivo il Premio Innovazione. Con il Patrocinio del Politecnico di Milano e quattro partnerSisalPay per la categoria Everyday life, IBM per Tecnologia e digital life, Discovery Italia per Media e telecomunicazioni e Kia per Energia e ambienteFocus offre ai suoi lettori la possibilità di scegliere il migliore tra sei progetti per ogni categoria e promuovere così quattro idee che mettono insieme ricerca e industria accomunati da un’unica parola chiave: innovazione.

Un esempio su tutti è la start up torinese Pub Coder, incubata presso H-Farm, il cui team ha sviluppato un software per la creazione di libri digitali ‘aumentati’ in grado di coinvolgere i lettori con animazioni, interazioni e suoni. Dal 21 febbraio al 17 aprile tutti i progetti saranno online sul sito Focus.it e il pubblico potrà votarli. I vincitori saranno proclamati a maggio. “Il nostro obiettivo – spiega il direttore del magazine, Francesca Folda – è dare visibilità al fermento che anima laboratori di ricerca, start up, gruppi di studenti universitari o geniali maker e creativi, sempre capaci di proporre soluzioni innovative per migliorare aspetti molto concreti della nostra vita”. Dopo il restyling avviato con successo a giugno scorso, Focus oggi sfiora le 400.000 copie mensili (cartacee+digitali) e nel trimestre estivo (luglio-agosto-settembre 2013) ha raggiunto il record di 1,5 milioni di copie cumulate. Sempre elevato il numero di lettori, certificato da Audipress a 5,5 milioni. Con una community attiva di oltre 270.000 fan su Facebook e più di 100 mila app scaricate, il mensile adesso punta a rinnovarsi sul web. “Entro l’estate – aggiunge a margine il direttore – sarà lanciato il nuovo sito con l’obiettivo di farlo diventare la destinazione online principale per le news scientifiche, che avranno un aggiornamento quotidiano”. Intanto gli ultimi dati censuari di Google Analytics registrano per Focus.it 1,1 milioni di utenti unici, 1,5 milioni di visite e 10 milioni di pagine viste.

“Per lo sviluppo della nuova piattaforma tecnologica è attualmente in corso una consultazione tra agenzie digital”, continua Folda. Quanto invece alla raccolta pubblicitaria, curata da Mediamond, “il primo trimestre 2014 ha messo a segno un incremento positivo, mentre registriamo già un +50% di prenotato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno”, chiarisce Fabienne Schwalbe, amministratore delegato di Gruner + Jahr/Mondadori, non nascondendo come l’anno appena passato sia stato comunque negativo per la casa editrice sotto il profilo dei ricavi pubblicitari “anche se con risultati leggermente migliori del mercato”. Per quanto riguarda alcune altre testate del gruppo, Focus Storia “sta andando bene e consolida la diffusione a circa 100.000 copie diffuse, mentre per Focus Junior è appena partito il restyling”. Continua, infine, il successo del sito Nostrofiglio.it nato nel 2009, che totalizza 2,2 milioni di utenti unici censuari al mese (fonte: ShinyStat) ed è leader nel segmento per social engagement (fonte: Blogmeter).

Andrea Castellari. “Ancora margini di crescita per Discovery Italia”

Continua lo sviluppo di Discovery Italia.“Nel 2013 – spiega il direttore generale Andrea Castellari –  la raccolta pubblicitaria è cresciuta di oltre il 50% rispetto all’anno precedente. E ci sono ancora margini di crescita. La prima parte del 2014 offre segnali positivi per l’intero mercato della pubblicità in tv, che dovrebbe ritornare in pareggio dopo il calo a due cifre del 2013”. Bene Focus Tv che “ha un ritmo di crescita costante e si dirige verso l’1% di share (0,7%-0,8%) sul totale individui. Anche PRS sta facendo un ottimo lavoro per la raccolta sui canali Kids (K2 e Frisbee)”. Dopo aver acquisito i diritti per il 6 nazioni di rugby, Castellari è soddisfatto: “Sta andando bene per ascolti e sta ottenendo riscontri interessanti per quanto riguarda l’advertising”. Ma dopo la recente acquisizione del 51% di Eurosport, lo shopping di nuovi canali si ferma qui? Il gruppo è interessato ai canali Digicast? “Attualmente abbiamo un portafoglio di canali interessante e ci concentriamo su questo. Ma non abbiamo finito il nostro percorso di crescita”, conclude Castellari.

Pierdonato Vercellone: “Per SisalPay percorso di brand enrichment”

“Cercheremo di legare il brand agli interessi e alle passioni degli italiani, dalla musica al design, fino allo sport, seguendo una strategia di ‘brand enrichment’: Il marchio lo scorso anno è stato sponsor del concerto di Vasco Rossi, prossimamente lanceremo un’iniziativa per il Salone del Mobile di Milano. Contestualmente l’obiettivo è far conoscere SisalPay partecipando a speaking platform sui temi dell’innovazione come questo premio organizzato da Focus o come la recente partnership con il Wired Next Index”. Così Pierdonato Vercellone, direttore comunicazione di Sisal, racconta le strategie messe in campo per promuovere il servizio di micro pagamenti online del gruppo. Quanto agli investimenti in comunicazione 2014 per Sisal, “non investiremo di più, ma meglio. Stando attenti ai budget e a non perdere quote di mercato, puntando molto sul digitale”. Confermati tutti i partner: Dlv Bbdo, Publicis e Leo Burnett per la creatività, Alchemy per il digital, OMD per la pianificazone media, 77 per progetti speciali multimediali, Havas PR e My Pr per media relation e social.

 Claudia Cassino