Nasce Huovo, la comunicazione ha un nuovo guscio

6 febbraio 2014

Marina Sergio e Massimo Zanrosso in fondatori della nuova struttura milanese

“Ci siamo ispirati a un elemento semplice, che porta con sé l’idea stessa di nascita, di creatività e – a dire il vero – anche ad un elemento indispensabile per realizzare infinite ricette e amalgamare insieme i diversi elementi”, Marina Sergio racconta così la nascita di Huovo, nuova agenzia che va ad arricchire il panorama della comunicazione milanese. “Un nome facile da pronunciare – spiega – anche all’estero e che si distingue per la h inziale che è un palese richiamo all’uomo”. Pilastro del progetto, oltre a Marina Sergio che vanta una lunga carriera nelle multinazionali mass market prima e successivamente in  advertising con Brand Portal, è Massimo Zanrosso che veicola in questa nuova avventura imprenditoriale l’esperienza ventennale di Tetraedro, agenzia con una forte focalizzazione sulle attività di packaging e below the line.

“Con Huovo abbiamo dato vita a una realtà che lavora su un network di competenze – spiega Marina Sergio -. Avevamo bisogno di creare nuovo contenitore, flessibile e che ci consentisse di riconoscerci tutti: un guscio di comunicazione come è espresso pienamente dal nostro pay off Oggi la struttura è costituita da un team di 12 persone e può contare su una rete di professionisti attivabili a seconda dei progetti. Un’organizzazione che consente di offrire alle aziende uno spettro completo di servizi di comunicazione e un’elevata seniority professionale”.

Oltre a Marina e Massimo, a comporre il network di competenze dell’agenzia sono arrivati dal mondo delle imprese Alessandro Marchionne, da quello dell’architettura e degli eventi Massimo Randone e dal marketing alto di gamma Francesca Venerucci Manzaroli. “Francesca porta con sé la sua esperienza ventennale maturata nel mondo della cosmetica, del retail e delle licenze legate alla moda. Ha lavorato sia in grandi multinazionali, come L’Oreal e Unilever, sia in realtà a carattere imprenditoriale, come il Gruppo Percassi. Tutto questo operando su brand storici, ma anche sulla creazione di nuovi marchi. Ma ciò che più la caratterizza è la sua capacità di gestire progetti complessi”, sottolinea Marina Sergio.

“Ho apprezzato da subito l’approccio di Huovo, ma anche la concretezza figlia dell’esperienza dei singoli professionisti coinvolti – afferma Francesca Venerucci – e l’osmosi continua che arricchisce tutti noi e rappresenta un patrimonio per le aziende che scelgono di avvalersi della nostra collaborazione. Chi sceglie Huovo può contare su una struttura che si adatta e si modella sui singoli progetti”.

Andrea Crocioni