RobilantAssociati, nel 2013 fatturato a +10%. Cresce la vocazione internazionale

4 febbraio 2014

RobilantAssociati (nella foto Maurizio di Robilant) chiude il 2013 con un fatturato di 12,6 milioni di euro, in crescita di circa il 10% rispetto all’anno precedente. La brand advisory italiana, che nel 2014 taglia l’importante traguardo dei 30 anni, consolida la propria leadership sul mercato domestico, mentre porta avanti con successo la sua strategia di apertura ai mercati internazionali.

La messa a punto di una consulenza completa nella creazione e comunicazione del brand e l’attuazione di una forte politica di espansione all’estero, hanno portato la società ad essere sempre più apprezzata per i suoi servizi e il suo approccio ‘italiano’ fuori dall’Italia, con una presenza rilevante ripartita fra i diversi continenti.

I mercati esteri arrivano così a rappresentare il 53% del fatturato totale, contro il 40% dello scorso anno. Parallelamente si riconfermano le relazioni con le imprese del Made in Italy, tra cui Alitalia, Barilla, Cantine Ferrari, Fiat-Chrysler Automobiles, Fratelli Carli, Galbani, Gancia, Illy, Italcementi, Mondadori, Mutti, Proraso. E a queste si aggiungono circa 20 nuovi clienti acquisiti nel 2013, tra cui Agro Ittica Lombarda, Amica Chips, Banca Leonardo, Bertani Domains, Casa Vinicola Zonin, Distilleria Bertagnolli, Grandi Salumifici Italiani, Grom, Gruppo Sanpellegrino, Madi Ventura, Nuncas, Sperlari. Per far fronte a questa crescita, anche sul piano interno RobilantAssociati potenzia il proprio team, portando la struttura da 70 a 76 collaboratori.