Wpp Italia: revenues oltre 300 mln di euro nel 2013. Per il 2014 parola d’ordine efficienza

24 gennaio 2014

“Il 2013 è stato un anno difficile per tutto il settore che ha perso il 13%. Wpp in Italia ha chiuso l’anno con oltre 300 milioni di euro di revenues e un utile lordo che supera il 10%, segno che ancora guadagniamo”, così Massimo Costa, country manager della holding della comunicazione, ha tracciato un bilancio dell’annata che si è appena chiusa in un incontro riservato alla stampa che si è tenuto ieri a Milano.

“Siamo riusciti a reggere le difficoltà del mercato”, ha sottolineato il manager mettendo in luce la capacità del gruppo di garantire alle aziende una vasta gamma di servizi. “Abbiamo fatto meglio del mercato con i centri media, le società di ricerca e le relazioni pubbliche – ha affermato -. Hanno tenuto abbastanza bene i servizi di marketing e il corporate design. Hanno sofferto nel complesso le agenzie creative. Non perché si siano persi clienti, ma perché questi investono meno”. Fra gli aspetti più interessanti del 2013 per il gruppo la crescita di alcuni settori come lo shopper marketing, il crisis management e le ricerche di mercato. “Questo a testimonianza di quanto dice da tempo Sir Martin Sorrell: Wpp non è più fatta di Mad Man, ma di Data Man”, ha aggiunto il country manager. Per quanto riguarda il 2014 lo sguardo di Costa è positivo: “Ci aspettiamo un rimbalzo, soprattutto nella seconda parte dell’anno, in coincidenza con l’avvicinamento all’anno dell’Expo, un evento che al di là del suo valore intrinseco potrà essere un motore per tutta l’economia del Paese e dare all’Italia più voglia di fare”.

Per quanto riguarda Wpp la parola d’ordine sembra essere: efficienza. “Una ricerca che deve riguardare il gruppo nel suo complesso”, ha ribadito il manager. In questo processo rientra naturalmente la fusione che ha portato alla nascita di Grey United, opzione che potrebbe in futuro riguardare altre realtà del gruppo, anche se nell’immediato non ci sarebbero altri dossier sul tavolo. Costa ha poi rimarcato il valore dei team trasversali che Wpp mette a disposizione dei grandi clienti come Ford e Vodafone. Un modello che sta per essere esteso anche a Barilla che sarà supportata a livello internazionale  da un gruppo di lavoro dedicato guidato dalla team leader Simona Maggini di Y&R. E’ stata intanto costituita la squadra che si occuperà di Lago, azienda italiana del settore design ‘adottata’ dal gruppo e che verrà aiutata a crescere sui mercati esteri. Fanno parte del team: Isotta Enrici (Y&R Group), Enrico Dorizza (Jwt), Massimiliano Ventimiglia (H-art), Antonio Marazza (Landor) e Davide Bertagnon (Mec). Per quanto riguarda le prossime mosse della holding non è da eslcudersi l’avvio di una campagna di acquisizioni in aree come il digitale, ricerche e servizi di marketing.

Andrea Crocioni